Nazionalismo e vita economica

Di Lev Trotsky

Aprile 1934

Articolo originariamente apparso su Foreign Affairs nell’aprile del 1934 e recentemente ripubblicato sul sito http://www.foreignaffairs.com

Il fascismo italiano ha proclamato il “sacro egoismo” nazionale come il solo fattore creativo. Dopo aver ridotto la storia dell’umanità a storia nazionale, il fascismo tedesco ha proceduto a ridurre la nazione alla razza e la razza al sangue. Inoltre, nei Paesi che politicamente non sono ascesi- o meglio, discesi – verso il fascismo, i problemi dell’economia sono sempre più forzati in contesti nazionali. Non tutti hanno il coraggio di scrivere apertamente “autarchia” sui loro vessilli. Ma ovunque la politica viene indirizzata verso una segregazione il più possibile ermetica della vita nazionale dall’economia mondiale. Solo vent’anni fa tutti i libri di scuola insegnavano che il fattore più potente nella produzione di ricchezza e cultura è la divisione mondiale del lavoro, che si trova nelle condizioni naturali e storiche dello sviluppo dell’umanità. Ora si scopre che lo scambio mondiale è la fonte di tutte le disgrazie e di tutti i pericoli. Ritorniamo a casa! Torniamo al focolare nazionale! Non solo dobbiamo correggere l’errore dell’ammiraglio Perry[1], che ha aperto una breccia nell'”autarchia” del Giappone, ma dobbiamo anche correggere l’errore molto più grande di Cristoforo Colombo, che ha portato ad estendere in modo così smodato l’arena della cultura umana.

Il valore duraturo della nazione, scoperto da Mussolini e Hitler, è ora contrapposto ai falsi valori del XIX secolo: democrazia e socialismo. Anche qui entriamo in una contraddizione inconciliabile con le vecchie formule e, peggio ancora, con i fatti inconfutabili della storia. Solo una viziosa ignoranza può tracciare una netta contrapposizione tra la nazione e la democrazia liberale. Di fatto, tutti i movimenti di liberazione della storia moderna, a partire ad esempio dalla lotta per l’indipendenza dell’Olanda, hanno avuto un carattere sia nazionale sia democratico. Il risveglio delle nazioni oppresse e smembrate, la loro lotta per unire le loro parti separate e per liberarsi dal giogo straniero, sarebbe stato impossibile senza una lotta per la libertà politica. La nazione francese si è consolidata nelle tempeste della rivoluzione democratica alla fine del XVIII secolo. Le nazioni italiana e tedesca sono emerse da una serie di guerre e rivoluzioni nel XIX secolo. Il potente sviluppo della nazione americana, che aveva ricevuto il battesimo della libertà nella rivolta del XVIII secolo, fu infine garantito dalla vittoria del Nord sul Sud nella Guerra Civile. Né Mussolini né Hitler sono gli scopritori della nazione. Il patriottismo nel suo senso moderno – o più precisamente nel suo senso borghese – è il prodotto del XIX secolo. La coscienza nazionale del popolo francese è forse la più conservatrice e la più stabile di tutte; e ancora oggi si nutre delle sorgenti delle tradizioni democratiche.

Ma lo sviluppo economico dell’umanità che ha rovesciato il particolarismo medievale non si è fermato all’interno dei confini nazionali. La crescita degli scambi mondiali è avvenuta parallelamente alla formazione delle economie nazionali. La tendenza di questo sviluppo – per i Paesi avanzati, in ogni caso – ha trovato espressione nello spostamento del centro di gravità dal mercato interno a quello estero. Il XIX secolo è stato caratterizzato dalla fusione del destino della nazione con il destino della sua vita economica; ma la tendenza fondamentale del nostro secolo è la crescente contraddizione tra la nazione e la vita economica. In Europa questa contraddizione è diventata intollerabilmente acuta.

Lo sviluppo del capitalismo tedesco è stato del tutto dinamico. A metà del XIX secolo il popolo tedesco si sentiva soffocato nelle gabbie di diverse decine di patrie feudali. Meno di quattro decenni dopo la creazione dell’Impero tedesco, l’industria tedesca stava soffocando nel quadro dello Stato nazionale. Una delle cause principali della guerra mondiale fu il tentativo del capitale tedesco di sfondare in un’arena più ampia. Hitler combatté come caporale nel 1914-1918 non per unire la nazione tedesca, ma in nome di un programma imperialistico sovranazionale che si esprimeva nella famosa formula “organizzare l’Europa”. Unificata sotto il dominio del militarismo tedesco, l’Europa doveva diventare il campo di esercitazione per un lavoro molto più grande: l’organizzazione dell’intero pianeta.

Ma la Germania non è stata un’eccezione. Esprimeva solo, in forma più intensa e aggressiva, la tendenza di tutte le altre economie capitalistiche nazionali. Lo scontro tra queste tendenze è sfociato nella guerra. È vero che la guerra, come tutti i grandiosi sconvolgimenti della storia, ha sollevato diverse questioni storiche e, di sfuggita, ha dato l’impulso alle rivoluzioni nazionali nei settori più arretrati dell’Europa – la Russia zarista e l’Austria-Ungheria. Ma questi erano solo gli echi tardivi di un’epoca già passata. La guerra era essenzialmente di carattere imperialista. Con metodi letali e barbari cercò di risolvere un problema di sviluppo storico progressivo, quello dell’organizzazione della vita economica sull’intera arena preparata dalla divisione mondiale del lavoro.

Inutile dire che la guerra non ha trovato la soluzione a questo problema. Al contrario, ha atomizzato ancora di più l’Europa. Ha approfondito l’interdipendenza di Europa e America nello stesso momento in cui ha approfondito l’antagonismo tra loro. Ha dato impulso allo sviluppo indipendente dei Paesi coloniali e contemporaneamente ha acuito la dipendenza dei centri metropolitani dai mercati coloniali. Come conseguenza della guerra, tutte le contraddizioni del passato si sono aggravate. Si poteva chiudere gli occhi su questo nei primi anni del dopoguerra, quando l’Europa, aiutata dall’America, era impegnata a riparare da cima a fondo la sua economia devastata. Ma il ripristino delle forze produttive implicava inevitabilmente il rinvigorimento di tutti quei mali che avevano portato alla guerra. La crisi attuale, in cui sono sintetizzate tutte le crisi capitalistiche del passato, significa soprattutto la crisi della vita economica nazionale.

La Società delle Nazioni ha tentato di tradurre dal linguaggio del militarismo a quello dei patti diplomatici il compito che la guerra aveva lasciato irrisolto. Dopo che Ludendorff[2] aveva fallito nel tentativo di “organizzare l’Europa” con la spada, Briand[3] tentò di creare gli “Stati Uniti d’Europa” attraverso una zuccherosa eloquenza diplomatica. Ma l’interminabile serie di conferenze politiche, economiche, finanziarie, tariffarie e monetarie non ha fatto altro che dispiegare il panorama della bancarotta delle classi dirigenti di fronte al compito improrogabile e scottante della nostra epoca.

Teoricamente questo compito può essere formulato come segue: Come garantire l’unità economica dell’Europa, preservando la piena libertà di sviluppo culturale dei popoli che la abitano? Come inserire l’Europa unificata in un’economia mondiale coordinata? La soluzione a questa domanda può essere ricercata non divinizzando la nazione, ma al contrario liberando completamente le forze produttive dalle pastoie imposte loro dallo Stato nazionale. Ma le classi dirigenti europee, demoralizzate dal fallimento dei metodi militari e diplomatici, affrontano oggi il compito dalla parte opposta, cioè tentano con la forza di subordinare l’economia all’obsoleto Stato nazionale. La leggenda del letto di Procuste si sta riproducendo su larga scala. Invece di creare un’arena adeguatamente grande per le operazioni della tecnologia moderna, i governanti tagliano e fanno a pezzi l’organismo vivente dell’economia.

In un recente discorso programmatico Mussolini ha salutato la morte del “liberalismo economico”, cioè del regno della libera concorrenza. L’idea in sé non è nuova. L’epoca dei trust, dei sindacati e dei cartelli ha da tempo relegato la libera concorrenza in soffitta. Ma i trust sono ancora meno conciliabili con i ristretti mercati nazionali di quanto non lo siano le imprese del capitalismo liberale. Il monopolio ha divorato la concorrenza nella misura in cui l’economia mondiale ha subordinato il mercato nazionale. Il liberismo economico e il nazionalismo economico sono diventati obsoleti allo stesso tempo. I tentativi di salvare la vita economica inoculandole il virus del cadavere del nazionalismo si traducono in un avvelenamento del sangue che porta il nome di fascismo.

L’umanità è spinta nella sua ascesa storica dall’esigenza di ottenere la maggior quantità possibile di beni con il minor dispendio di lavoro. Questo fondamento materiale della crescita culturale fornisce anche il criterio più profondo per valutare i regimi sociali e i programmi politici. La legge della produttività del lavoro ha lo stesso significato, nella sfera della società umana, della legge di gravitazione nella sfera della meccanica. La scomparsa delle formazioni sociali superate non è che la manifestazione di questa legge crudele che ha determinato la vittoria della schiavitù sul cannibalismo, della servitù della gleba sulla schiavitù, del lavoro salariato sulla servitù della gleba. La legge della produttività del lavoro trova la sua strada non in linea retta, ma in modo contraddittorio, a scatti e scossoni, a balzi e a zig-zag, superando sul suo cammino barriere geografiche, antropologiche e sociali. Da qui le tante “eccezioni” della storia, che in realtà sono solo rifrazioni specifiche della “regola”.

Nel XIX secolo la lotta per la massima produttività del lavoro ha assunto principalmente la forma della libera concorrenza, che ha mantenuto l’equilibrio dinamico dell’economia capitalista attraverso le fluttuazioni cicliche. Ma proprio per il suo ruolo progressivo la concorrenza ha portato a una mostruosa concentrazione di trust e sindacati, che a sua volta ha significato una concentrazione di contraddizioni economiche e sociali. La libera concorrenza è come una gallina che ha partorito non un anatroccolo ma un coccodrillo. Non c’è da stupirsi che non riesca a gestire la sua prole!

Il liberismo economico ha superato i suoi tempi. Con sempre meno convinzione i suoi mohicani si appellano all’interazione automatica delle forze. Sono necessari nuovi metodi per far sì che i trust dei grattacieli rispondano ai bisogni umani. Occorre cambiare radicalmente la struttura della società e dell’economia. Ma i nuovi metodi si scontrano con le vecchie abitudini e, cosa infinitamente più importante, con i vecchi interessi. La legge della produttività del lavoro sbatte convulsamente contro le barriere che essa stessa ha eretto. Questo è ciò che sta al centro della grandiosa crisi del sistema economico moderno.

Politici e teorici conservatori, presi alla sprovvista dalle tendenze distruttive dell’economia nazionale e internazionale, propendono per la conclusione che l’eccessivo sviluppo della tecnologia sia la causa principale dei mali attuali. È difficile immaginare un paradosso più tragico! Un politico e finanziere francese, Joseph Caillaux[4], vede la salvezza nelle limitazioni artificiali al processo di meccanizzazione. Così i rappresentanti più illuminati della dottrina liberale traggono improvvisamente ispirazione dai sentimenti di quegli operai ignoranti di oltre cento anni fa che distruggevano i telai per la tessitura. Il compito progressivo di come adattare l’arena dei rapporti economici e sociali alla nuova tecnologia viene capovolto e viene fatto passare per un problema di come frenare e ridurre le forze produttive in modo da adattarle alla vecchia arena nazionale e ai vecchi rapporti sociali. Su entrambe le sponde dell’Atlantico si sprecano non poche energie mentali per risolvere il fantastico problema di come ricacciare il coccodrillo nell’uovo di gallina. Il nazionalismo economico ultramoderno è irrimediabilmente condannato dal suo stesso carattere reazionario; ritarda e abbassa le forze produttive dell’uomo.

Le politiche di un’economia chiusa implicano la costrizione artificiale di quei settori industriali che sono in grado di fertilizzare con successo l’economia e la cultura di altri Paesi. Implica anche l’impianto artificiale di quelle industrie che non hanno le condizioni favorevoli per crescere sul suolo nazionale. La finzione dell’autosufficienza economica provoca quindi enormi spese generali in due direzioni. A ciò si aggiunge l’inflazione. Nel corso del XIX secolo, l’oro come misura universale del valore è diventato il fondamento di tutti i sistemi monetari degni di questo nome. Le deviazioni dal gold standard lacerano l’economia mondiale ancor più di quanto non facciano i muri tariffari. L’inflazione, essa stessa espressione di relazioni interne disordinate e di legami economici disordinati tra le nazioni, intensifica il disordine e contribuisce a trasformarlo da funzionale in organico. Così il sistema monetario “nazionale” corona l’opera sinistra del nazionalismo economico.

I rappresentanti più intrepidi di questa scuola si consolano con la prospettiva che la nazione, pur impoverendosi in un’economia chiusa, diventerà più “unificata” (Hitler), e che con la diminuzione dell’importanza del mercato mondiale diminuiranno anche le cause dei conflitti esterni. Queste speranze dimostrano solo che la dottrina dell’autarchia è sia reazionaria che del tutto utopica. Il punto è che i luoghi di riproduzione del nazionalismo sono anche i laboratori di terribili conflitti futuri; come una tigre affamata, l’imperialismo si è ritirato nella propria tana nazionale per raccogliersi per un nuovo balzo.

In realtà, le teorie sul nazionalismo economico che sembrano basarsi sulle leggi “eterne” della razza mostrano solo quanto sia disperata la crisi mondiale: un classico esempio di come si faccia virtù di un’amara necessità. Tremando su panchine spoglie in qualche piccola stazione dimenticata da Dio, i passeggeri di un treno distrutto possono stoicamente assicurarsi l’un l’altro che le comodità corrompono il corpo e l’anima. Ma tutti loro sognano una locomotiva che li porti in un luogo dove possano distendere i loro corpi stanchi tra due lenzuola pulite. La preoccupazione immediata del mondo imprenditoriale di tutti i Paesi è quella di resistere, di sopravvivere in qualche modo, anche se in coma, sul duro letto del mercato nazionale. Ma tutti questi stoici involontari desiderano il potente motore di una nuova “congiuntura” mondiale, una nuova fase economica.

Arriverà? Le previsioni sono rese difficili, se non del tutto impossibili, dall’attuale disturbo strutturale dell’intero sistema economico. I vecchi cicli industriali, come i battiti del cuore di un corpo sano, avevano un ritmo stabile. Dal dopoguerra non osserviamo più la sequenza ordinata delle fasi economiche; il vecchio cuore salta i battiti. A ciò si aggiunge la politica del cosiddetto “capitalismo di Stato“. Spinti da interessi inquieti e da pericoli sociali, i governi irrompono nel mondo dell’economia con misure di emergenza, di cui nella maggior parte dei casi non riescono a prevedere gli effetti. Ma anche tralasciando la possibilità di una nuova guerra che sconvolgerebbe per lungo tempo il lavoro elementare delle forze economiche e i tentativi consapevoli di controllo pianificato, possiamo comunque prevedere con sicurezza la svolta dalla crisi e dalla depressione a una rinascita, indipendentemente dal fatto che i sintomi favorevoli presenti in Inghilterra e in qualche misura negli Stati Uniti si rivelino in seguito come prime rondini che non hanno portato la primavera. L’opera distruttiva della crisi deve raggiungere il punto – se non l’ha già raggiunto – in cui l’umanità impoverita avrà bisogno di una nuova massa di beni. I camini fumeranno, le ruote gireranno. E quando la rinascita sarà sufficientemente avanzata, il mondo degli affari si scuoterà dal suo torpore, dimenticherà prontamente le lezioni di ieri e metterà sprezzantemente da parte le teorie della rinuncia insieme ai loro autori.

Ma sarebbe una grande illusione sperare che la portata dell’imminente rinascita corrisponda alla profondità della crisi attuale. Nell’infanzia, nella maturità e nella vecchiaia il cuore batte a un ritmo diverso. Durante l’ascesa del capitalismo le crisi successive avevano un carattere effimero e il calo temporaneo della produzione era più che compensato nella fase successiva. Oggi non è più così. Siamo entrati in un’epoca in cui i periodi di ripresa economica sono di breve durata, mentre i periodi di depressione diventano sempre più profondi. Le vacche magre divorano le vacche grasse senza lasciare traccia e continuano a muggire di fame.

Tutti gli Stati capitalisti saranno quindi più aggressivamente impazienti, non appena il barometro economico comincerà a salire. La lotta per i mercati esteri diventerà più acuta che mai. Le pie nozioni sui vantaggi dell’autarchia saranno subito messe da parte e i saggi piani per l’armonia nazionale saranno gettati nel cestino. Questo vale non solo per il capitalismo tedesco, con le sue dinamiche esplosive, o per il capitalismo tardivo e avido del Giappone, ma anche per il capitalismo americano, che è ancora potente nonostante le sue nuove contraddizioni.

Gli Stati Uniti hanno rappresentato il tipo più perfetto di sviluppo capitalistico. L’equilibrio relativo del suo mercato interno, apparentemente inesauribile, assicurava agli Stati Uniti una decisa preponderanza tecnica ed economica sull’Europa. Ma il suo intervento nella guerra mondiale fu in realtà l’espressione del fatto che il suo equilibrio interno era già stato alterato. I cambiamenti introdotti dalla guerra nella struttura americana hanno a loro volta reso l’ingresso nell’arena mondiale una questione di vita o di morte per il capitalismo americano. È ampiamente dimostrato che questo ingresso deve assumere forme estremamente drammatiche.

La legge della produttività del lavoro ha un’importanza decisiva nelle interrelazioni tra America ed Europa e, in generale, nel determinare il futuro posto degli Stati Uniti nel mondo. Le forme più alte che gli yankee hanno dato alla legge della produttività del lavoro si chiamano nastro trasportatore, standard o produzione di massa. Sembrerebbe che sia stato trovato il punto da cui la leva di Archimede avrebbe dovuto sollevare il mondo. Ma il vecchio pianeta si rifiuta di essere rovesciato. Ognuno si difende da tutti gli altri, proteggendosi con un muro doganale e una siepe di baionette. L’Europa non compra merci, non paga debiti e in più si arma. Con cinque misere affamate divisioni il Giappone si impadronisce di un intero Paese[5]. La tecnica più avanzata del mondo sembra improvvisamente impotente di fronte a ostacoli che si basano su una tecnica molto più bassa. La legge della produttività del lavoro sembra perdere la sua forza.

Ma è solo apparente. La legge fondamentale della storia umana deve inevitabilmente vendicarsi dei fenomeni derivati e secondari. Prima o poi il capitalismo americano dovrà aprirsi delle strade in tutto il pianeta. Con quali metodi? Con tutti i metodi. Un alto coefficiente di produttività denota anche un alto coefficiente di forza distruttiva. Sto predicando la guerra? Per niente. Non sto predicando nulla. Sto solo cercando di analizzare la situazione mondiale e di trarre conclusioni dalle leggi della meccanica economica. Non c’è niente di peggio di quella sorta di vigliaccheria mentale che volta le spalle ai fatti e alle tendenze quando questi contraddicono gli ideali o i pregiudizi.

Solo nel quadro storico dello sviluppo mondiale possiamo assegnare al fascismo il posto che gli spetta. Non contiene nulla di creativo, nulla di indipendente. La sua missione storica è ridurre all’assurdo la teoria e la pratica dell’impasse economica.

A suo tempo il nazionalismo democratico ha fatto progredire l’umanità. Ancora oggi è in grado di svolgere un ruolo progressista nei Paesi coloniali dell’Est. Ma il nazionalismo fascista decadente, che prepara esplosioni vulcaniche e scontri grandiosi nell’arena mondiale, non porta altro che rovina. Tutte le nostre esperienze in questo senso negli ultimi venticinque o trent’anni sembreranno solo un’ouverture idilliaca rispetto alla musica dell’inferno che sta per arrivare. E questa volta non si tratta di un declino economico temporaneo, ma di una completa devastazione economica e della distruzione della nostra intera cultura, nel caso in cui l’umanità laboriosa e pensante si dimostri incapace di prendere in tempo le redini delle proprie forze produttive e di organizzarle correttamente su scala europea e mondiale.

Note:


[1] Matthew Calbraith Perry (Newport, 10 aprile 1794 – New York, 4 marzo 1858) è stato un ammiraglio della marina degli Stati Uniti noto per essere stato sostenitore ed esecutore della politica di apertura coatta del Giappone all’economia statunitense.

[2] Erich Friedrich Wilhelm Ludendorff (Kruszewnia, 9 aprile 1865 – Tutzing, 20 dicembre 1937), generale tedesco.

Durante la Prima guerra mondiale fu il principale collaboratore del generale von Hindenburg.

Convinto nazionalista, fu promotore, dell’imperialismo tedesco.

[3] Aristide Briand (Nantes, 28 marzo 1862 – Parigi, 7 marzo 1932) è stato un politico e diplomatico francese.

[4] Joseph-Marie Auguste Caillaux (Le Mans, 30 marzo 1863 – Mamers, 21 novembre 1944). Fu presidente del Consiglio francese tra il 1911 e il 1912.

[5] In riferimento all’occupazione giapponese della Manciuria tra il 1931 e il 1932

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...