PER UN FRONTE UNICO DI CLASSE CONTRO GOVERNO E PADRONATO

PER IL POTERE DEI LAVORATORI E DELLE LAVORATRICI! La crisi economica, che è precipitata in occasione della pandemia di Covid19, ha ragioni indipendenti da tale pandemia (sebbene questa abbia le sue radici proprio nella decadenza capitalista e nella sua tendenza alla catastrofe economica, sociale, ecologica, sanitaria), trascina con sé un’irrisolvibile crisi del regime politico e sociale, del dominio complessivo della borghesia (economico, politico, ideologico), acuisce … Continua a leggere PER UN FRONTE UNICO DI CLASSE CONTRO GOVERNO E PADRONATO

LE ELEZIONI CONFERMANO L’INSTABILITÀ POLITICA DI UNA BORGHESIA IN CRISI E L’INUTILITÀ DEL POPULISMO PICCOLO BORGHESE! COSTRUIRE L’ALTERNATIVA OPERAIA E SOCIALISTA AD UN REGIME DECADENTE!

Il fatto che ad ogni tornata elettorale tutti i partiti cantino vittoria rappresenta soltanto una delle sceneggiate del teatrino della politica borghese. Stavolta però si raggiungono rari picchi di ilarità. Non ci riferiamo banalmente al dato matematico di un pareggio (3 a 3) alle regionali, ma alla condizione di crisi politica che coinvolge tutti i partiti, e quindi l’intero sistema, figlia di una ancora più … Continua a leggere LE ELEZIONI CONFERMANO L’INSTABILITÀ POLITICA DI UNA BORGHESIA IN CRISI E L’INUTILITÀ DEL POPULISMO PICCOLO BORGHESE! COSTRUIRE L’ALTERNATIVA OPERAIA E SOCIALISTA AD UN REGIME DECADENTE!

Comunicato dei Marxisti Rivoluzionari dell’Azerbaigian

Pubblichiamo il comunicato dei compagni marxisti rivoluzionari azeri riguardo al risveglio del conflitto tra Azerbaigian e Armenia. Non esiste un link di riferimento perché ricordiamo che in Azerbaigian sono stati chiusi i siti internet ed è previsto il carcere per le contestazioni. Il centenario conflitto si è intensificato di nuovo nel 1988. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, iniziò la guerra tra le unità del Nagorna-Karabakh; … Continua a leggere Comunicato dei Marxisti Rivoluzionari dell’Azerbaigian

La borghesia italiana ed europea di fronte ad un’impasse storica

di IN e NI Fin dall’inizio avevamo definito la pandemia da corona virus come uno straordinario acceleratore della crisi del capitalismo. I governi completamente impreparati a un tale evento hanno adottato nel migliore dei casi politiche di contenimento del virus e rallentamento della curva dei contagi per non paralizzare un’economia già in fase di declino, mettendo in conto un numero più alto di morti per … Continua a leggere La borghesia italiana ed europea di fronte ad un’impasse storica

Referendum costituzionale, elezioni regionali/amministrative e la necessità di costruire una sinistra rivoluzionaria nelle lotte

di DC, GA, RdB Il passaggio dalla stagione estiva alla (calda) stagione autunnale sarà quest’anno scandito da un fardello elettorale, poiché il 20-21 settembre si terranno nella stessa tornata: le elezioni per il rinnovo di sette consigli regionali, le elezioni amministrative per un migliaio di comuni (Venezia, Reggio Calabria, Crotone, ecc.), le elezioni suppletive per il Senato (collegi di Sardegna e Veneto) ed infine il … Continua a leggere Referendum costituzionale, elezioni regionali/amministrative e la necessità di costruire una sinistra rivoluzionaria nelle lotte

Riapertura delle scuole e pandemia

di Rivoluzionaria Il tema dell’istruzione quest’anno ha assunto nel dibattito politico un valore nuovo rispetto al passato. Se nel susseguirsi dei diversi governi la scuola e l’università hanno subito ingenti tagli, quest’anno si tenta di mettere delle toppe troppo striminzite rispetto all’ampiezza dei buchi. Sarebbe bello poter affermare che questo rinnovato interesse nei confronti dell’istruzione scaturisca dalla consapevolezza dell’intrinseco valore che quest’ultima assume per la … Continua a leggere Riapertura delle scuole e pandemia

Ad ottanta anni dall’assassinio di Trotsky: La memoria e l’eredità storico politica del rivoluzionario russo nella gioventù comunista.

In occasione dell’80° anniversario dalla morte di uno dei principali leader della Rivoluzione d’Ottobre, dell’Armata Rossa e del movimento comunista internazionale, Lev Trotsky, Prospettiva Operaia è lieta di onorare la memoria del rivoluzionario russo attraverso la presentazione di un testo inedito, conservato nella Biblioteca di Harvard all’interno del fondo d’archivio di Trotsky[1], sui metodi autoritari e fascisti messi in atto dalla burocrazia stalinista all’interno dell’Unione … Continua a leggere Ad ottanta anni dall’assassinio di Trotsky: La memoria e l’eredità storico politica del rivoluzionario russo nella gioventù comunista.

Bolivia, il patto Evo-Añez, con la benedizione dell’OSA      

di Emiliano Monge 15/08/2020 Dopo dieci giorni consecutivi di scioperi, picchetti e repressione da parte delle forze di sicurezza e delle bande fasciste contro i manifestanti, giovedì pomeriggio scorso la presidente de facto Jeanine Áñez ha sancito la regola che impegna il governo a tenere le elezioni presidenziali il 18 ottobre. Il provvedimento è stato approvato in una sessione dell’Assemblea nazionale in forma virtuale, con … Continua a leggere Bolivia, il patto Evo-Añez, con la benedizione dell’OSA      

Bielorussia: una crisi internazionale

di Jorge Altamira 14/08/2020 La crisi politica internazionale è affiorata nelle ultime settimane in diversi scenari, come il Libano, il Mediterraneo orientale, la Palestina, la Bolivia, l’OSA, persino gli Stati Uniti, dove si discute apertamente di una destituzione anticipata di Donald Trump per le elezioni presidenziali del prossimo novembre. Tuttavia, uno dei punti più caldi è la Bielorussia. La validità delle elezioni presidenziali di domenica … Continua a leggere Bielorussia: una crisi internazionale

Le masse libanesi abbattono il governo! Nessuna fiducia ai politicanti borghesi del Libano anche per il futuro! Nessuna fiducia agli avvoltoi occidentali che si travestano da “donatori umanitari”! Continuare a lottare per il cambio di regime politico!

di Rdb Avevamo concluso il nostro precedente articolo sulla crisi libanese, dopo l’ulteriore fattore di sua accelerazione costituito dalle esplosioni nel porto di Beirut, con le seguenti parole: “La tragedia di Beirut non fermerà, ma anzi inasprirà il conflitto sociale in atto da più di un anno in Libano, con il protagonismo assoluto delle fiere masse e gioventù libanesi” (leggi qui). Poco più di 72 … Continua a leggere Le masse libanesi abbattono il governo! Nessuna fiducia ai politicanti borghesi del Libano anche per il futuro! Nessuna fiducia agli avvoltoi occidentali che si travestano da “donatori umanitari”! Continuare a lottare per il cambio di regime politico!