A 100 anni dalla marcia su Roma: la nascita del fascismo (IV – finale)

Di El Be

Quarta parte: L’assalto del fascismo al potere.

L’Italia del dopoguerra sembrava ingovernabile. Dopo le dimissioni degli ultimi quattro governi in quattro anni consecutivi, fu ora la volta del primo ministro Ivanoe Bonomi a dimettersi (febbraio 1922). Di fronte alla rinuncia alla carica, il re Vittorio Emanuele III avviò negoziati con le varie forze per cercare di superare la crisi politica. Filippo Turati, leader dell’ala riformista del PSI, fu tra coloro che risposero all’appello; questo portò all’espulsione di Turati dal suo partito. Alla fine, il governo fu assunto da Luigi Facta, un uomo senza leadership che poteva occupare quel ruolo solo a causa della totale impasse delle forze politiche italiane. Il suo governo sarebbe stato poco più di un fantasma che attendeva impotente l’avvento del fascismo.

Lo “sciopero legalitario”

La sinistra riformista, temendo la mobilitazione rivoluzionaria della classe operaia, riponeva le sue speranze nel chiedere al re Vittorio Emanuele III di intervenire contro i fascisti. A gennaio, la dirigenza riformista della CGL, insieme al Sindacato dei ferrovieri e ad altri sindacati esterni al centro, si era riunita e aveva formato un grande fronte di sindacati chiamato Alleanza del lavoro. La formazione dell’Alleanza avvenne troppo tardi, senza alcuna attività preparatoria e con la maggioranza dei lavoratori disillusi dai propri dirigenti sindacali.

In agosto l’Alleanza lanciò l’appello allo sciopero generale per fermare l’avanzata fascista. Turati lo battezzò “Sciopero legalitario”. Lo sciopero fu un clamoroso fallimento. L’affluenza fu bassa. Mussolini si assunse la responsabilità di sconfiggerlo e lo fece in 48 ore. Per sconfiggere gli scioperanti ricorse alla violenza estrema. Gli operai organizzarono una resistenza eroica, soprattutto a Parma, ma furono sconfitti. Trotsky spiegherà che “i riformisti avevano così a lungo annaffiato la polvere da sparo, temendo che prendesse fuoco, che quando alla fine con mano tremante avvicinarono un fiammifero acceso, la polvere non si accese”.

Il fallimento dello sciopero legalitario è la sconfitta definitiva del movimento operaio. Significa un punto di svolta, dal quale inizia il conto alla rovescia per la presa del potere da parte del fascismo. L’offensiva fascista contro lo sciopero disarmò gran parte del movimento operaio: la sede dell’Avanti! venne incendiata per la terza volta, decine di locali distrutti, centinaia di dirigenti operai assassinati.

L’assedio di Roma

Nelle campagne il primato del fascismo era già totale. Nelle città, Mussolini decise di attuare una serie di dimostrazioni di forza. In settembre tenne una serie di congressi, eventi, manifestazioni e comizi politici in decine di città, tra cui Roma, Parma, Siena, Padova, Torino, Genova, Livorno, Ravenna, Udine, Novara, Piacenza, Cremona, Venezia, Emilia e Ancona. Migliaia di camicie nere si radunarono in ognuna di esse. I partiti del regime erano divisi e spaccati quando si trattava di definire una posizione politica di fronte al fascismo.

Alla manifestazione di Udine, Mussolini tenne un discorso che sarebbe passato alla storia. Con il titolo “L’azione e la dottrina fascista di fronte alle esigenze storiche della nazione”, Mussolini espose per la prima volta un programma di governo. Il discorso di Udine mirava a un compromesso con le forze del regime per formare un governo. I partiti tradizionali avevano negoziato con il leader fascista per inserirlo in un’ampia coalizione di governo. Credevano che lo Stato avrebbe assorbito e addomesticato il fascismo.

Mussolini colse l’occasione per inviare un messaggio ai suoi stessi ranghi: “Sono favorevole a una disciplina rigorosa. Dobbiamo imporre la più severa disciplina a noi stessi, altrimenti non abbiamo il diritto di imporla alla nazione. Allo stesso tempo, difese l’uso della violenza fascista: “la nostra violenza è decisiva, perché alla fine di luglio e agosto (lo Sciopero Legale) in quarantotto ore di violenza sistematica e bellicosa abbiamo ottenuto ciò che non avremmo ottenuto in quarantotto anni di predicazione e propaganda”. Ha anche usato la piattaforma per rettificare tutta la sua diatriba anti-monarchica: “Credo fondamentalmente che la monarchia non abbia alcun interesse ad opporsi a quella che ormai deve essere chiamata la rivoluzione fascista”. Il punto è fondamentale perché definisce il rapporto del fascismo con l’esercito (che rimane fedele alla corona).

Le forze fasciste iniziarono gradualmente a prendere il controllo delle amministrazioni comunali. Di fronte a questa avanzata, il governo Facta decretò lo scioglimento di alcuni consigli comunali (Cremona, Milano, Treviso), che “legalizzava” il loro passaggio ai fascisti. Ci furono diversi tentativi di impadronirsi di Roma. Alcune città, come Trento, erano in mano al socialismo e Mussolini concluse che non fosse possibile prendere Roma con queste zone di confine in mano all’opposizione. In non poche città i lavoratori riuscirono a fermare l’avanzata fascista, soprattutto dove i socialisti avevano vinto le elezioni. Dove i fascisti fuggivano di fronte alla resistenza dei lavoratori, la polizia interveniva in loro difesa. La resistenza dei lavoratori fu eroica, ma disorganizzata in ogni comune. I fascisti agirono con un unico comando nazionale. Dove venivano sconfitti, raggruppavano le forze di altre città e passavano all’offensiva. Trento cadde in mano ai fascisti e Roma divenne l’ultima casella ad essere occupata da Mussolini.

I fascisti cercarono di attirare il sostegno di alcuni settori sfruttati con le immense risorse economiche fornite da una parte della borghesia. Nelle campagne, strinsero accordi con i proprietari terrieri per assumere i lavoratori disoccupati. In alcuni casi, al contrario, i padroni approfittarono della vittoria fascista per licenziare, ridurre i salari e allungare la giornata lavorativa, generando grandi disordini che i fascisti considerarono dannosi per il loro piano. In molti casi i fascisti si scontrarono con i padroni.

Verso Roma

La marcia su Roma fu decisa il 16 ottobre in una riunione dell’alto comando fascista a Milano, alla presenza di Mussolini. La decisione non è stata priva di accese discussioni. Bisognava valutare se era il momento giusto per prendere il potere. Il governo avrebbe potuto resistere al colpo di Stato e reprimere le colonne fasciste. Fu necessario garantire le alleanze, o almeno la neutralità. Giovanni Giolitti, l’ottuagenario cinque volte Presidente del Consiglio d’Italia, voleva indire nuove elezioni per diventare per la sesta volta Presidente del Consiglio, questa volta incorporando i fascisti. Questo tentativo ebbe l’approvazione del re Vittorio Emanuele III. Mussolini disse a Giolitti che era disposto a sciogliere le squadracce e a permettere alle forze di Stato di monopolizzare la violenza, ma chiarì che l’offerta di “un ministero e due segreterie” non era sufficiente per i fascisti. Alla notizia dei negoziati, il giornale fascista uscì allo scoperto per negare qualsiasi compromesso con le forze del regime.

I più importanti giornali della borghesia, dal “Corriere della Sera” al “Giornale d’Italia”, cominciarono a chiedere un “governo forte”, di cui i fascisti avrebbero fatto parte. Mussolini e i vertici del suo movimento decisero che il 28 le Camicie Nere avrebbero marciato su Roma con i seguenti obiettivi: occupazione degli edifici pubblici (a Roma e nelle principali città d’Italia); dare un ultimatum al Governo Facta per il trasferimento generale dei poteri dello Stato a Mussolini; impadronirsi dei ministeri ad ogni costo; in caso di sconfitta, le milizie fasciste avrebbero dovuto ritirarsi verso il centro Italia, per raggrupparsi nelle città dove erano più forti. Di questi obiettivi, nessuno fu raggiunto completamente e con successo. Il trionfo dell’azione non fu il risultato della strategia militare di Mussolini, ma dell’evoluzione della crisi politica e del riallineamento delle forze.

Infine, il 28 ottobre, 40.000 Camicie Nere marciarono verso Roma da varie città. La marcia è stata finanziata con 20 milioni di lire dall’Associazione Bancaria Italiana. Papa Pio XI invita alla pacificazione, che in realtà è un invito a non reprimere la marcia fascista. Mussolini, temendo il contrario, rimane a Milano. Il 30 ottobre le sue forze mettono piede a Roma.

Sebbene le forze repressive dello Stato avrebbero potuto disperdere la manifestazione, il re Vittorio Emanuele III di Savoia decise di non reprimerla. Il Presidente del Consiglio Luigi Facta si dimette. Il Re inviò quindi la seguente lettera a Mussolini a Milano: “Sua Maestà il Re la prega di recarsi a Roma al più presto, desiderando affidarle l’incarico di formare il Ministero”. Mussolini si reca a Roma per assumere il governo.

A novembre, una Camera dei Deputati composta in maggioranza da non fascisti approvò un voto di fiducia al governo di Mussolini, con 316 voti a favore, 116 contrari (per lo più socialisti e comunisti) e 7 astensioni. Pochi giorni dopo, ottenne la stessa proclamazione al Senato con un margine ancora maggiore: 196 voti a favore e 19 contrari. Tutte le forze democratiche della borghesia e della Chiesa votarono il fascismo al potere. In seguito, la stessa Camera votò i pieni poteri di Mussolini in materia amministrativa ed economica.

Il governo di Mussolini

Una volta al potere, il fascismo rafforzò le sue posizioni grazie a una situazione economica favorevole per l’Italia, dopo anni di grande depressione. Trotsky spiegherà che “i fascisti usarono la forza offensiva della piccola borghesia contro il proletariato che si stava ritirando. Ma questo non avvenne immediatamente. Una volta insediatosi al potere, Mussolini avanzò lungo il suo percorso con una certa cautela: non aveva ancora un modello pronto per l’uso. Nei primi due anni non fu modificata nemmeno la Costituzione. Il governo fascista era una coalizione. Le bande fasciste, in questo periodo, brandivano il manganello, il coltello e la rivoltella. Solo progressivamente fu creato lo Stato fascista, che comportava lo strangolamento totale di tutte le organizzazioni di massa indipendenti.

“Mussolini ottenne questo risultato al prezzo della burocratizzazione del partito fascista. Dopo aver utilizzato la forza offensiva della piccola borghesia, il fascismo la strangolò nella tenaglia dello Stato borghese. Non poteva agire diversamente, poiché la disillusione delle masse che aveva radunato diventava il pericolo più immediato. Il fascismo burocratico si avvicina straordinariamente (nel 1932) alle altre forme di dittatura militare e poliziesca. Non ha più la base sociale di un tempo. La principale riserva del fascismo, la piccola borghesia, è esaurita. L’inerzia storica è l’unica cosa che permette allo Stato fascista di mantenere il proletariato in uno stato di dispersione e impotenza.

In questa prospettiva, il leader della rivoluzione russa spiegò la necessità di caratterizzare il fascismo nelle forme concrete che assume in ogni fase: “Quanto abbiamo detto dimostra a sufficienza l’importanza di distinguere tra la forma di potere bonapartista e quella fascista. Tuttavia, sarebbe imperdonabile cadere nell’estremo opposto, per convertire il bonapartismo e il fascismo in due categorie logicamente incompatibili. Come il bonapartismo inizia combinando il regime parlamentare con il fascismo, così il fascismo trionfante è costretto a formare un blocco con i bonapartisti e, soprattutto, ad avvicinarsi sempre più, per le sue caratteristiche interne, a un sistema bonapartista. Il dominio prolungato del capitale finanziario attraverso la demagogia sociale reazionaria e il terrore piccolo-borghese è impossibile. Una volta al potere, i governanti fascisti sono costretti a imbavagliare le masse che li seguono utilizzando l’apparato statale. Lo stesso strumento fa perdere loro il sostegno delle grandi masse della piccola borghesia. Di questi, l’apparato burocratico ne assimila una piccola parte, un’altra cade nell’indifferenza. Un terzo passa all’opposizione sotto vari striscioni. Ma quando perde la sua base sociale di massa, affidandosi all’apparato burocratico e oscillando tra le classi, il fascismo diventa bonapartismo.

La strategia della sinistra

L’ascesa del fascismo è inestricabilmente legata alla sconfitta della classe operaia, e la classe operaia alla politica della sinistra. Pochi anni dopo, la sinistra avrebbe commesso gli stessi errori (e altri ancora) con l’ascesa del nazismo in Germania. “Nella sua politica verso Hitler, la socialdemocrazia tedesca non ha inventato una sola parola: si limita a ripetere più pesantemente ciò che i riformisti italiani fecero a loro tempo con più temperamento. Quest’ultima spiegava il fascismo come una psicosi del dopoguerra; la socialdemocrazia tedesca vede in esso una psicosi “di Versailles”, o addirittura una psicosi di crisi. In entrambi i casi, i riformisti chiudono gli occhi di fronte al carattere organico del fascismo come movimento di massa nato dal declino imperialista”.

La sinistra tedesca, come quella italiana, insisterà sugli appelli al governo per frenare il fascismo. La strategia della Terza Internazionale, invece, era quella del fronte unito antifascista dei lavoratori. La più importante resistenza operaia al fascismo, quella di Parma, fu un vero fronte unito di anarchici, comunisti, socialisti, repubblicani. Il PCdI, il rappresentante dell’Internazionale in Italia guidato da Bordiga e Gramsci, rifiutò la politica del fronte unito tra il 1921 e il 1924. Trotsky spiegherà le difficoltà del PCdI come segue: “Il Partito Comunista d’Italia è apparso quasi contemporaneamente al fascismo. Ma le stesse condizioni di riflusso rivoluzionario che portarono il fascismo al potere frenarono lo sviluppo del Partito Comunista. Non si rendeva conto delle dimensioni del pericolo fascista, si nutriva di illusioni rivoluzionarie, era irriducibilmente ostile alla politica del fronte unito, soffriva, insomma, di tutte le malattie infantili. Non c’è nulla di sorprendente in questo: aveva solo due anni. Nel fascismo non vedeva altro che la “reazione capitalista”. Il Partito Comunista non ha distinto le caratteristiche particolari del fascismo, che derivano dalla mobilitazione della piccola borghesia contro il proletariato. Secondo le informazioni dei miei amici italiani, ad eccezione di Gramsci, il partito comunista non credeva che la presa del potere da parte dei fascisti fosse possibile. Una volta che la rivoluzione proletaria ha subito una sconfitta e il capitalismo ha tenuto duro, e la controrivoluzione ha trionfato, come potrebbe esserci un altro tipo di rivolta controrivoluzionaria? La borghesia non può sollevarsi contro se stessa! Questo era l’orientamento politico fondamentale del Partito Comunista d’Italia. Non bisogna però dimenticare che il fascismo italiano era allora un fenomeno nuovo, solo in via di formazione: sarebbe stato difficile, anche per un partito più esperto, distinguerne le caratteristiche specifiche”.

La fine (un nuovo inizio)

Il fascismo al potere attraversò diverse fasi. Il 10 giugno 1924, squadristi fascisti rapiscono e uccidono il deputato socialista Giacomo Matteotti. Dopo questo evento, il Parlamento, ora a maggioranza fascista, approvò le leggi eccezionali che diedero inizio alla trasformazione dell’ordinamento giuridico in un regime totalitario.

Il regime di Mussolini, ormai esaurito, ebbe nuova vita quando Hitler salì al potere in Germania nel 1933. Il suo governo sarebbe durato fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Assediato dalle forze partigiane nell’aprile 1945, Mussolini decise di fuggire dall’Italia nascondendosi in un camion tedesco. Durante il tragitto, fu riconosciuto dai ribelli e catturato. Convinti che le potenze alleate non avrebbero reso giustizia all’ex dittatore, decisero di fucilarlo il giorno seguente nel paese di Mezzegra, in provincia di Como. Il suo corpo fu poi portato a Milano, dove fu appeso per i piedi in Piazza Loreto.

Con la caduta di Mussolini, la rivoluzione socialista avrebbe bussato nuovamente alla porta dell’Italia.

Testo originale: https://politicaobrera.com/8217-a-100-anos-de-la-marcha-sobre-roma-el-nacimiento-del-fascismo-iv-final

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...