Colombia: Petro, la vittoria del “capitalismo progressista”.

Di Jorge Altamira

20/06/2022

Testo originale: https://politicaobrera.com/7287-colombia-petro-la-victoria-del-capitalismo-progresista

Tempo di lettura: 4 minuti

Domenica 20 giugno, la vittoria di Pacto Histórico guidato da Petro è stata riconosciuta all’unanimità dalla stampa come il primo accesso della sinistra al governo. L’obiettivo è quello di evidenziare il verificarsi di una rottura storica. Da questo punto di vista, in America Latina si sono verificate rotture storiche senza soluzione di continuità: Lula, il primo operaio a diventare presidente in Brasile e persino nel mondo, anche se in compagnia del polacco Walesa; il cileno Boric e l’ecuadoriano Correa, che non appartengono allo spettro dei partiti tradizionali (e nemmeno il salvadoregno Nayib Bukele); Hugo Chávez e anche l’honduregna Xiomara Castro. Queste rotture storiche non hanno stravolto la storia, anche se i loro fallimenti hanno accentuato la crisi di governabilità degli Stati. In un certo senso, sono serviti a rimodellare la destra, accentuandone le tendenze fasciste.

Non c’è dubbio che la vittoria di Petro sia una timida espressione delle grandi ribellioni popolari e degli scioperi generali del 2019 e del 2021. È quindi un riflesso di queste lotte e dell’inarrestabile esaurimento del regime politico del Paese e, allo stesso tempo, un mezzo di contenimento relativamente eccezionale. Il pericolo di una vittoria della destra al secondo turno, dovuta all’unificazione dei suoi elettori, è stato scongiurato da un aumento dell’affluenza alle urne, compreso il passaggio all’astensione di coloro che avevano votato per la destra al primo turno. Il bilancio mostra un’ulteriore disintegrazione politica dello spettro di destra, ovvero una dichiarazione di incapacità del polo di destra di governare la Colombia. Questo è diventato evidente nella stessa campagna elettorale, quando lo sconfitto Hernández ha deciso di limitare la sua campagna a Tik-Tok, di non uscire di casa e di confessare di non essere adatto a un dibattito elettorale. Per i consulenti dell’opinione pubblica, questo ha sancito la sua sconfitta. La disintegrazione della destra si è sviluppata dopo la sostituzione di Uribe con Santos, che ha portato avanti il disarmo delle FARC con il sostegno del Congresso e della Magistratura.

Gli osservatori politici hanno richiamato l’attenzione sulla debolezza parlamentare di Pacto Histórico, appena venti deputati, e sulla necessità di raggiungere compromessi di governo con i suoi rivali. Il problema è piuttosto diverso. Gustavo Petro ha evitato di schierarsi, almeno apertamente, con la NATO nella guerra in corso, anche se la Colombia è un alleato extra-NATO (come lo era l’Argentina sotto Menem). Il Paese è anche la principale base militare del Comando meridionale degli Stati Uniti. Al recente “summit” di Los Angeles, Biden ha avvertito i presidenti latinoamericani di non spingersi troppo oltre nei flirt commerciali e finanziari con la Cina. La Cina è l’obiettivo principale degli Stati Uniti nella guerra che hanno scatenato contro la Russia.

A livello “domestico” i problemi che Petro deve affrontare non sono di poco conto. Ha accennato a tre riforme: fiscale, previdenziale e agraria. La questione agraria è quella decisiva, aggravata dal legame dei grandi proprietari terrieri con il narcotraffico e le forze paramilitari. La storia della Colombia è segnata da guerre civili causate dalla questione agraria. Gustavo Petro non ha né le risorse né l’intenzione di affrontare la consegna della terra ai contadini, che implica anche una guerra civile contro il narcocapitale nelle campagne. Gli assassinii di combattenti non si sono mai fermati, anche se i media non li contano quando elogiano i processi democratici in Colombia. Petro ha rifiutato la possibilità di nazionalizzare Ecopetrol, quindi non potrà nemmeno contare sulle entrate petrolifere che un periodo di impennata dei prezzi potrebbe portare. Ha ribadito di essere a favore del “capitalismo progressivo” e di non avere in programma alcuna nazionalizzazione. Per quanto riguarda il narcotraffico, è probabile che segua la politica del messicano López Obrador, sotto il cui governo si sono registrati i più alti tassi di omicidio, compresi i femminicidi di massa, come parte del business del traffico e dello sfruttamento della crisi migratoria. Consiste nel raggiungere un patto non scritto di “moderazione” del business con i clan del narcotraffico, attraverso l’alto comando militare, e nel prendere le distanze dalla DEA. L’esperienza del Messico non è incoraggiante. Ciò che è ancora meno incoraggiante è che la Colombia si sta inserendo con maggiore forza nella crisi migratoria dell’America centrale e dei Caraibi.

La vittoria di Petro aggiunge benzina al fuoco delle prossime elezioni brasiliane. Le forze armate brasiliane temono che il Cono Sud si tinga di rosa e indebolisca la campagna per l’insediamento di una potente comunità agroalimentare in Amazzonia, con la copertura o il pretesto della “sicurezza nazionale” – in una mossa per contrastare le pressioni di Biden e dell’Unione Europea per dichiararla “riserva naturale” dell’umanità, Bolsonaro cerca di riportare in vita i BRICS (Brasile, Russia, Cina, Sudafrica), a cui ha invitato l’Argentina. La Colombia condivide l’Amazzonia con Brasile, Perù, Ecuador e Venezuela, una regione in cui Petro ha perso domenica scorsa. Un enorme scenario di conflitto si sta aprendo nel mezzo della guerra contro la Russia e dell’assedio alla Cina. Il centro-sinistra creolo non ha le condizioni per affrontare questa nuova crisi epocale del capitalismo imperialista.

Gli ambienti politici centristi confondono questa enorme crisi e le vittorie elettorali dei terzi partiti di sinistra con la “polarizzazione politica”. Perché ciò avvenga, tuttavia, è necessario che vi sia un polo rivoluzionario in cui le masse si riconoscano; l’ascesa del marginalismo non è un sostituto. Le crisi politiche che si susseguono in America Latina tenderanno a lasciare il posto a governi bonapartisti, anche di carattere militare. Questo è particolarmente possibile in Colombia. La guerra imperialista in corso è un potente acceleratore di politica internazionale.

Un pensiero su “Colombia: Petro, la vittoria del “capitalismo progressista”.

  1. Sono d’accordo. Il polo rivoluzionario secondo me deve relazionarsi con la sinistra di governo in modo da conquistarne la base alle sue istanze discutendo con le FARC. In Europa i rivoluzionari si devono riorganizzare sulla base del contrasto alla UE e alla NATO da un punto di vista internazionalista. Questo come ci insegna la Grecia significa scegliere il metodo di combattimento contro il riformismo la dittatura del proletariato rafforzata dalla proteste di massa o il riformismo più o meno mascherato come ha fatto il KKE e Antarsya nel nostro campo trotkyista .

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...