Dalla seconda guerra mondiale a oggi

Di Jorge Altamira

La celebrazione del Giorno della Vittoria, nell’anniversario della capitolazione della Germania nel 1945 all’Armata Rossa, non ha confermato nessuna delle ipotesi avanzate in anticipo dalla stampa internazionale assoggettata politicamente alla NATO. In sostanza, Putin non ha presentato una formale dichiarazione di guerra all’Ucraina, che lo avrebbe autorizzato a mettere l’intero Paese in stato di guerra, né ha offerto una soluzione negoziata o una sospensione delle ostilità. In via difensiva, Putin ha affermato che “la sconfitta è inaccettabile” – avvertendo che in ultima istanza potrebbe ricorrere all’uso di armi nucleari. Il discorso si limitava a giustificare lo scopo di occupare l’Ucraina o addirittura di annetterla, paragonando la guerra in corso con l’espulsione degli eserciti nazisti dall’Ucraina nel 1943/4 da parte delle truppe dell’Unione Sovietica.

È interessante notare, tuttavia, che ha omesso di ricordare che la “reincorporazione” dell’Ucraina nell’URSS e il conseguente dominio imposto all’Europa orientale erano stati concertati con gli Stati Uniti e la Gran Bretagna in tre conferenze internazionali – Teheran, Potsdam e Yalta; il contrario di ciò che sta accadendo oggi. In cambio di questa distribuzione dei territori, Joseph Stalin impegnò i partiti comunisti a strangolare la nascente rivoluzione in Jugoslavia, Francia, Italia, Grecia e Cina e a condividere l’occupazione della Germania con le potenze imperialiste “alleate”. I partiti comunisti della Jugoslavia e della Cina, tuttavia, non hanno seguito questo copione, per quanto riguarda i propri paesi, dove hanno preso il potere politico con mezzi rivoluzionari; lo avrebbero fatto più tardi, la Jugoslavia nel 1948/50 e la Cina nel 1974, in modo “indipendente”. La distruzione del nazismo fu accompagnata dalla soppressione di un movimento operaio indipendente nei paesi occupati. Lo stesso stalinismo, già in aperta decomposizione, accettò di trasferire l’Europa orientale alle potenze imperialiste a metà degli anni ’80, seguito dallo scioglimento della stessa URSS. Putin appartiene agli apparati di sicurezza dello Stato che hanno assicurato il “successo” di questa catastrofe storica. Sulla complicità dell’attuale apparato politico nella distruzione dell’URSS, non ha detto una parola. 

Nato: “la guerra contro la Russia”

Nel campo della guerra le cose sono notevolmente peggiorate. La fornitura di armi sofisticate da parte della NATO alle forze armate ucraine e alle “unità territoriali”, come vengono ufficialmente chiamate le milizie fasciste ucraine che collaborano con esse, è cresciuta notevolmente in quantità e qualità. Ha trasformato la NATO una parte belligerante secondo il diritto internazionale, e quindi un potenziale obiettivo militare per la Russia. Il Congresso degli Stati Uniti ha votato uno stanziamento di 33 miliardi di dollari per aiutare l’Ucraina con armi moderne, metà dell’intero budget militare russo. Gabriel Tokatlian, specialista internazionale dell’Università Di Tella, sostiene che “la guerra per conto degli Stati Uniti in Ucraina è una guerra contro la Russia” (Clarín, 4/5). Per molti esponenti della sinistra, tuttavia, questa guerra internazionale contro la Russia costituisce, esclusivamente o essenzialmente, una guerra di liberazione nazionale contro una potenza oppressiva.

La sostituzione da parte dell’Ucraina delle armi ereditate dall’Unione Sovietica con queste nuove armi significa, a tutti gli effetti pratici e legali, un’integrazione militare de facto dell’Ucraina nella NATO. La frenesia di questa fornitura di armi arriva al punto che l’uso del missile portatile Javelin supera il tasso di sostituzione negli arsenali statunitensi. Le forze armate ucraine sono state ristrutturate sulla base degli standard tecnologici e operativi della NATO, e la conseguente riqualificazione del personale militare. Gli Stati Uniti, la Germania e la Polonia hanno sviluppato, all’interno e all’esterno dell’Ucraina, e anche in Germania, campi di addestramento per soldati e miliziani ucraini che coprono l’intero spettro strategico. La NATO, quindi, ha raggiunto, in questa guerra, il suo principale obiettivo strategico. Le promesse di Zelensky, il presidente dell’Ucraina, o del francese Macron e del tedesco Scholz, che l’Ucraina non avrebbe aderito alla Nato, almeno per alcuni decenni, hanno già superato la data di scadenza. L’aiuto all’Ucraina votato dal Parlamento degli Stati Uniti è stato paragonato al sistema Lend-Lease che finanziò la Gran Bretagna durante i primi anni della seconda guerra mondiale, che era già di carattere globale. L’imminente adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, ai confini della Russia, smaschera, senza attenuanti, le intenzioni dell’imperialismo sul futuro storico dell’Ucraina.

Una “guerra nucleare”

Questo dispiegamento fenomenale punta, come sottolineano i documenti pubblici del Pentagono, verso un obiettivo sequenziale. Primo, recuperare tutto il territorio occupato dalla Russia, secondo, “neutralizzare”, cioè liquidare per un lungo periodo, la capacità militare dello Stato russo. L’obiettivo strategico della guerra, quindi, è quello di realizzare un “cambio di regime” in Russia. Come molti osservatori ammettono, questa strategia implica una prospettiva di guerra nucleare – una guerra tutto o niente tra potenze nucleari. Un ex vice segretario del Dipartimento della Marina degli Stati Uniti, Seth Cropsey, ha dichiarato sul Wall Street Journal (4/27), più volte citato in seguito, che si intitola “Gli Stati Uniti devono dimostrare di poter vincere una guerra nucleare”. Lì afferma che “la realtà è che se gli Stati Uniti non si preparano a vincere una guerra nucleare, rischiano di perderla”. A tal fine, propone di dotare immediatamente le navi da guerra di superficie di armi nucleari per annientare preventivamente i sottomarini nucleari russi incaricati di rispondere a un attacco nucleare.

Putin, dal canto suo, ha ribadito di avere all’ordine del giorno la possibilità di una guerra nucleare nel caso in cui la Russia si trovi di fronte a una “minaccia esistenziale”, cioè a “una sconfitta inaccettabile”. In un paio di operazioni militari, l’esercito russo ha attaccato con missili supersonici a lungo raggio, che è stato interpretato come una minaccia “nucleare” per i paesi confinanti con l’Ucraina. Negli uffici del Pentagono e del Cremlino è apertamente ammesso l’uso di bombe atomiche “tattiche”. “Ufficiali civili e militari”, riporta il Financial Times (4/28), “hanno partecipato a giochi di guerra in cui l’uso di armi nucleari tattiche a basso rendimento si intensifica in scambi nucleari strategici in numerose occasioni”. La Russia, dal canto suo, ha avvertito che la NATO sta per introdurre armi nucleari nell’Europa orientale, in riferimento al sistema di difesa missilistica AEGIS-Ashorw, che servirebbe per installare il missile Tomahawk per il lancio, che trasporta testate nucleari W-80. Come si vede, i due blocchi in guerra contemplano, senza considerazioni umanitarie, l’eventualità di una guerra nucleare.

Rivalità ‘interimperialista’

L’Unione Europea gioca un ruolo sempre più importante in questa guerra. Dopo uno pseudo tentativo di evitare la guerra, si è lanciata con vigore, senza trascurare le divergenze con gli Stati Uniti. La Germania ha schierato più truppe nell’est rispetto agli Stati Uniti, per decenni. Ha triplicato, in un paio d’ore, il suo budget militare, inviando armi in Ucraina dai paesi baltici e principalmente dalla Slovacchia; ci sono 30 paesi che forniscono armi all’Ucraina (Asia Times, 5/8). Adesso la Germania lo fa dal proprio territorio, fornendo il Guepard, il carro armato più sofisticato nello stock delle principali potenze. Ha anche inviato l’artiglieria semovente, che semina devastazione in un raggio di dieci chilometri e non compromette la vita di chi la spara. Il mondo assiste, niente di meno, che al “riarmo tedesco”. L’imperialismo europeo vede nella guerra in corso l’opportunità di sviluppare una forza militare indipendente dagli Stati Uniti, in questo caso per competere strategicamente dei benefici di una sconfitta russa per mano della NATO. La proposta apre una profonda crisi nel blocco imperialista, perché gli Usa intendono approfittare della guerra per monopolizzare la dipendenza strutturale dell’Europa da gas e petrolio. Il “teorico” della forza militare indipendente che dovrebbe lanciare la guerra in corso è il francese Macron, che in questo momento ha espresso un’altra “idea” tutta sua: la formazione di una Comunità politica di Stati europei, diversa dall’Unione Europea, che reintegrasse la Gran Bretagna e i suoi alleati ma soprattutto l’Ucraina, senza la necessità di ricorrere all’adesione alla NATO. Il motivo principale di questa Comunità sarebbe l’assorbimento della Russia al suo interno, una volta raggiunto il “cambio di regime” auspicato da Biden. È un’esca che l’imperialismo europeo offre al militarismo e ai servizi di sicurezza della Russia: promette loro “un posto” in Europa, in contrasto con l’ostracismo a cui Putin li condannerebbe.

Un settore decisivo della borghesia tedesca che non si lascia sedurre da questi capricci geopolitici, chiede, da parte sua, un accordo di cessate il fuoco e un negoziato politico tra Russia e Ucraina. Il consiglio della casa automobilistica VW lo ha appena sollevato pubblicamente e con urgenza. Denuncia che, altrimenti, lo sviluppo del suo ramo di auto elettriche sarà schiacciato da Tesla, l’azienda di Elon Musk, che l’ha superata nel mercato internazionale. VW e la capitale tedesca hanno esternalizzato la loro attività su larga scala nell’Europa orientale e la casa automobilistica dipende dall’Ucraina per la fornitura di cablaggi per le sue auto. Proposte simili sono state avanzate dall’industria chimica nel suo insieme e dalla Confederazione dell’industria. L’embargo sulle importazioni di gas russo potrebbe mandare in bancarotta la borghesia tedesca.  

La crisi “interimperialista” tra gli USA, da una parte, e le potenze Ue, dall’altra, si è manifestata con la decisione delle compagnie del gas Uniper, dalla Germania, e OMV, dall’Austria, di accettare il pagamento in rubli delle importazioni di gas dalla Russia, dal taglio delle forniture a Polonia e Bulgaria, che si sono rifiutate di farlo. Ungheria e Slovacchia hanno già concordato questa forma di pagamento e l’italiana ENI la sta valutando. Questa è una lacuna importante nel meccanismo bellico della NATO, perché consente alla Russia di sviluppare il suo commercio estero senza ricorrere al dollaro. È ciò che le consente di mantenere le porte aperte con molti paesi, in particolare Cina e India. Nell’immaginazione di Putin, questo divario gli permetterebbe di finanziare una guerra di logoramento sul campo. Ma la Cina non può accompagnare a lungo la Russia su questa strada, a causa del suo intreccio finanziario e commerciale con Stati Uniti ed Europa, che influenzerebbe anche il suo progetto di investimento, la Via della Seta. La possibilità di un blocco geopolitico dell’Asia centrale, come suggeriscono gli investimenti infrastrutturali tra Cina e Russia, deve affrontare ostacoli insormontabili. La guerra della NATO contro la Russia è un aspetto della guerra in vista del controllo del regno asiatico. La guerra in corso è collegata a nuovi capitoli che sono sempre più devastanti, e possono essere compresi solo nel loro insieme. 

Un articolo di due macristi, in Clarín (4/5), illustra l’intenzione di un settore della borghesia locale di inserire l’Argentina in guerra fornendo cibo e, potenzialmente, carburante (Vaca Muerta) all’Europa, per sostituire la Russia. Questo è ciò che, secondo il giornalista Carlos Pagni, spiega il viaggio in corso di Alberto Fernández in Francia e Germania. Contemporaneamente, però, il brasiliano Bolsonaro ha proposto di rivitalizzare i Brics, l’alleanza di Brasile, India e Sud Africa con Cina e Russia. Chi assicura che la guerra non è penetrata in America Latina è ovviamente distratto. In questo contesto, un settore del Kirchnerismo ha appena lanciato l’iniziativa di adesione ai Brics. L’Argentina, in ogni caso, non ha voce in capitolo sulla questione degli alimenti, la cui esportazione è monopolizzata da circa una decina di multinazionali, né sul carburante, sfruttato per la maggior parte da imprese straniere.

La guerra prolungata

Date le posizioni in conflitto, nessun osservatore prevede un accordo di cessate il fuoco. I suggerimenti di Zelensky a questo proposito sono stati bloccati da Biden; l’indipendenza dell’Ucraina non si manifesta nei fatti. L’erosione militare e politica dell’invasione russa è indiscutibile. Anche l’occupazione dell’intera fascia costiera dal Mar Nero alla Moldova procede lentamente e con battute d’arresto, e con un numero enorme di vittime civili e distruzioni materiali. Il potenziale offensivo della Russia è esaurito; il prolungarsi della guerra accentuerà questo esaurimento. Lo scopo dell’esercito russo non è conquistare politicamente la popolazione ma terrorizzarla, e come fece nelle guerre nel Caucaso settentrionale; in questo segue la scuola dello stalinismo e, prima ancora, dello zarismo. La Duma russa ha votato per annettere la regione del Donbass, al quale attribuisce un diritto all’autodeterminazione in tal senso. La sinistra russofila ha dato il suo appoggio a questo oltraggio, che, soprattutto, divide la classe operaia dei due paesi e accentua il rancore nazionale. Questo apparente rifiuto di annettere l’intera Ucraina non impedirà a Putin di continuare la guerra della NATO. Biden interpreta, in alternativa a una sconfitta militare della Russia, una “replica” delle vessazioni di Reagan contro la burocrazia di Gorbaciov, negli anni ’80 del secolo scorso, che costrinse a capitolare attraverso un’accentuazione della corsa agli armamenti. La guerra, intesa come unità di operazioni militari, di guerra economica e di offensive politiche, dovrà essere accentuata, così come la possibilità di escalation su tutti i fronti, compreso quello nucleare.

Validità dell’internazionalismo socialista

Un settore del “trotskismo” democratizzante ha appena scritto di favorire o di desiderare la “sconfitta militare” della Russia. In altre parole, sostiene la vittoria della NATO. Il testo non chiarisce se in quella “sconfitta” sia incluso uno scontro nucleare. La maggioranza degli osservatori concorda, tuttavia, insieme a Putin, che se l’esercito russo dovesse essere sconfitto sul suolo ucraino, c’è il pericolo di una rappresaglia nucleare. I “giochi di guerra” della NATO non escludono l’uso di bombe atomiche “tattiche”. Il citato approccio “disfattista” non ha nulla a che vedere con il “disfattismo rivoluzionario”, a favore della sconfitta di tutte le potenze capitaliste coinvolte in una guerra mondiale, in questo caso della NATO.

Se la sinistra democratica avesse posizioni parlamentari nei paesi NATO, voterebbe per aumenti di bilancio (“crediti di guerra”) dei governi borghesi di tutti i paesi, sia NATO sia in Russia.

La posizione “disfattista” contro le guerre imperialiste significa promuovere la fraternizzazione tra le truppe di stati rivali, in questo caso, in primo luogo, i russi con gli ucraini, contro i rispettivi governi imperialisti o filo-imperialisti o agenti dell’imperialismo, o sia, per il loro rovesciamento. Per questo ci deve essere un partito in azione, che sviluppi un’agitazione sovversiva contro la guerra imperialista. Le guerre imperialiste non hanno, per gli operai, soluzioni militari ma piuttosto politiche e rivoluzionarie. Una vittoria della NATO sulla Russia estenderebbe il campo di guerra all’Asia centrale in generale e alla Cina in particolare. Una vittoria russa non sarebbe altro che un trampolino di lancio verso un’altra guerra ancora più mortale, compreso un compromesso insostenibile con la NATO. La “lotta” di Putin contro la NATO è nell’interesse di un’oligarchia capitalista e parassitaria “sui generis”, così come l’oppressione nazionale e la sottomissione della classe operaia.

Putin non difende lo “spazio ex sovietico” (Ucraina, Bielorussia, Asia centrale) dall’imperialismo e dal capitale finanziario, inteso come residuo non trasferibile del passato “socialista”. Sia i servizi di sicurezza sia l’oligarchia russa hanno trasformato questi “spazi” in spazi capitalistici, senza alcuna connotazione sovietica. Non è la stessa cosa aver difeso incondizionatamente gli Stati operai contro l’imperialismo in passato e fare lo stesso con quelli che sono diventati, mediante una manipolazione, “ex Stati operai” quando si tratta di Stati capitalisti.

La collocazione storica della guerra attuale pone in evidenzia l’inesorabile decadenza del capitalismo e la sua tendenza a guerre di distruzione incalcolabile, anche in riferimento a un passato di olocausto. La catastrofe della società umana può essere evitata solo con la distruzione del dominio del capitale su scala internazionale. In tutti i Paesi del mondo, senza eccezioni, pone l’agitazione socialista e rivoluzionaria nell’agenda politica.

Link dell’articolo originale: https://politicaobrera.com/7028-de-la-segunda-guerra-mundial-a-la-actual

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...