Libertà per Ricardo Vásquez, leader nazionale del Sindacato Starbucks Cile!

Intorno alle 18:00 di venerdì 19 marzo, Ricardo stava tornando a casa dalle vicinanze di Plaza Dignidad, dopo la sua giornata di lavoro, quando è stato arrestato dai Carabineros de Chile, la polizia assetata di sangue di Sebastián Piñera, all’angolo da Irene Morales y Corvalán, Santiago del Cile.

Dopo sei ore senza sapere dove si trovasse, l’Istituto Nazionale dei Diritti Umani (Instituto Nacional de Derechos Humanos – INDH) è riuscito a localizzarlo nella 19a stazione di polizia di Santiago; ed è stato solo dopo l’intervento dell’INDH che è stato pubblicamente dichiarato detenuto con l’accusa di disordine pubblico. L’arresto di Ricardo rappresenta, in particolare, la persecuzione sistematica che lo Stato del Cile e il governo di Sebastián Piñera esercitano contro i leader sindacali e sociali per scongiurare le lotte dei lavoratori cileni.

Il compagno dirige un sindacato che organizza la lotta alla precarietà del lavoro; per la chiusura dei locali durante la pandemia; per l’assicurazione sanitaria per i lavoratori affetti da Covid; in sostegno alle rivendicazioni delle lavoratrici per i loro diritti lavorativi, sessuali e materni; ha anche svolto un ruolo attivo e di supporto in vari conflitti sindacali come la lotta per il reintegro dei lavoratori licenziati del CMR Fallabela.

L’arresto di Ricardo avviene nel contesto di un inasprimento della repressione attraverso una serie di leggi che iscrivono qualsiasi manifestazione di piazza sotto il titolo di “terrorismo”, al fine di reprimere e smobilitare brutalmente le masse lavoratrici nella loro lotta per l’assemblea costituente; contro le riforme del lavoro e delle pensioni; e contro la crisi sanitaria che, nonostante la campagna di vaccinazione, sta reclamando più di 900.000 pazienti covid, più di 36.000 casi attivi e più di 22.000 morti ufficiali.

Intorno alle 15:00 di questo sabato, Ricardo Vásquez è stato rilasciato dall’ufficio del procuratore del distretto centrale di Santiago, situato presso la stazione di Rondizzoni. Le accuse a carico del leader del Sindicato Starbucks Coffee Chile comprendono disordine pubblico e violazione dell’articolo 318 del codice penale che “punisce chiunque, in tempo di una pandemia, epidemia o contagio, crea consapevolmente il rischio di diffondere agenti patologici in violazione dell’ordine dell’autorità sanitaria ”, rischiando sanzioni di privazione della libertà e multe fino a 14mila dollari.

Lo stesso stato che fallisce di fronte alla crisi sanitaria e che autorizza i datori di lavoro in aree di produzione non essenziali come Starbucks a sfruttare ed esporre i propri lavoratori al virus, è quello che impedisce selettivamente a un dirigente sindacale e lavoratore di tornare a casa dal lavoro, in nome dell’assistenza sanitaria. Non si sono neanche sforzati di nascondere la natura politica e persecutoria della sua detenzione, e per questo ribadiamo il nostro forte ripudio della repressione del regime di Piñera contro gli attivisti sociali.

Nonostante sia stato in isolamento per più di 20 ore e durante la sua permanenza in cella non abbia ricevuto niente di cui alimentarsi o per coprirsi dal freddo, è in buona salute. Ringraziamo tutte le organizzazioni che si sono schierate in solidarietà con la richiesta della sua libertà e chiediamo che questo sostegno sia sostenuto in modo che entrambe le accuse vengano ritirate. Per l’organizzazione dell’intera classe operaia cilena. Sciopero generale.

Link agli articoli in lingua madre:

https://politicaobrera.com/internacionales/4249-chile-libertad-inmediata-para-ricardo-vasquez-dirigente-nacional-del-sindicato-de-starbucks?fbclid=IwAR3u7X4ENywORyElJhHssU-8IEgHMv1oJsPJA9dD6YaghMOE8XpvEFslWjc

https://politicaobrera.com/internacionales/4254-liberaron-al-companero-ricardo-vasquez-abajo-las-causas-en-su-contra?fbclid=IwAR0xaVCmAjS-L61iD-V0laDJmYJn8lI1pY50pR5TD-G9CXrjYYMj-3vVajY

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...