Assalto al Campidoglio, prime scaramucce di una guerra civile

Pubblichiamo la traduzione dell’articolo di Marcelo Ramal uscito su Polìtica Obrera lo scorso 7 Gennaio: Asalto al Capitolio, primeras escaramuzas de una guerra civil – Política Obrera (politicaobrera.com)

Diversi corrispondenti accreditati a Washington concordano nel sottolineare la facilità – per non dire l’impunità – con cui gruppi suprematisti e fascisti simpatizzanti di Trump hanno fatto irruzione in Campidoglio ieri pomeriggio per ostacolare la sessione del Senato che doveva certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali. Sebbene questa vittoria sia avallata da una differenza di 7 milioni di voti e 74 grandi elettori, l’incursione dei trumpisti ha rinviato la consacrazione di Joe Biden alla presidenza a sole due settimane prima della sua assunzione legale. Indipendentemente dal fatto che le forze federali riescano a controllare il putsch, una frattura vertebrale è stata installata nel cuore dello Stato e del regime politico americano. In Campidoglio si sono verificati i primi episodi di una guerra civile.

Putsch annunciato

I suddetti giornalisti hanno sottolineato il suggestivo ritardo della Guardia Nazionale, che ha impiegato più di due ore per agire sugli eventi in Campidoglio. Ma l’escalation fascista della sessione del Senato è stata praticamente “cantata”, sulla base di diversi eventi. Appena un giorno prima, i Democratici stavano vincendo le elezioni senatoriali in Georgia, ma con risultati molto risicati – Jon Ossof, il candidato di Biden, ha ottenuto il 50,2% dei voti, anche con il sostegno della precedente vittoria presidenziale. Trump, in quello scenario, ha dichiarato che non “riconoscerà mai” i risultati presidenziali e ha invitato il Senato a “discutere” i risultati delle elezioni in tutta la nazione. Anche se la maggior parte dei repubblicani non ha riconosciuto l’appello, una non trascurabile frazione dei senatori ha messo in dubbio i risultati dell’Arizona – la tensione in Senato, quindi, era già insediata prima dell’ondata suprematista. Trump stesso ha invitato i suoi sostenitori a mobilitarsi. L’escalation fascista, quindi, non ha agito come una “banda impazzita”, ma come una frazione dello Stato.

Quando Trump ha invitato i suoi sostenitori a calmarsi e a “tornare a casa”, ha inconsapevolmente sottolineato la natura parastatale della rivolta. In effetti, l’istigatore aveva anche l’autorità sufficiente per organizzare il ritiro. Le reazioni popolari contro il putch fascista nelle principali città sembrano spontanee – i leader democratici sono riusciti a malapena ad assicurarsi un rifugio.

Rivoluzione e controrivoluzione

L’assalto al Campidoglio non solo lascia uno scenario incerto nell’immediato, quando il Parlamento deve ancora certificare la vittoria di Biden. In prospettiva anticipa lo scenario del conflitto sociale e dell’incombente guerra civile che farà da sfondo alla presidenza di Biden. Con questi eventi, Trump ha “suggerito” quali armi intende utilizzare nelle prossime battaglie politiche, come le elezioni di metà mandato previste per il 2022. Dall’altra parte delle mobilitazioni fasciste, c’è la minaccia di una ribellione popolare che ha conquistato le strade contro la violenza razzista dello Stato. Questa polarizzazione sociale e politica avviene nel bel mezzo di un disordine pandemico, di una crisi sociale senza precedenti – e con strumenti di assistenza smantellati – e di un’esacerbazione della lotta per il mercato mondiale, con il capitalismo nordamericano e il suo stato nella sua più grande ritirata. Che l’antagonismo tra rivoluzione e controrivoluzione scuota il centro economico e politico del capitalismo mondiale, rappresenta non un paese, ma un palcoscenico storico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...