La borghesia cambia la sua strategia politica: Añez rinuncia alla sua candidatura presidenziale

27/09/2020

Añez ha seguito, in primo luogo, i consigli della borghesia e, in secondo luogo, l’inesorabile andamento politico dei sondaggi elettorali.

di Daniel Perez – Socialismo Revolucionario (Bolivia)

Qualche tempo fa abbiamo fatto notare che Añez avrebbe negoziato la sua uscita dal potere con il MAS (con l’obiettivo di sfuggire alla responsabilità del massacro di Sacaba e Senkata che pesa sul suo governo), lo ha appena fatto con Carlos Mesa. Il declino di Añez rende possibile la “transizione elettorale” post-golpe, una negoziazione che coinvolge anche la leadership Masista. I numeri non permettevano a Jeanine Añez di scommettere su una candidatura presidenziale; e, al massimo, avrebbe ottenuto un gruppo ridotto tra le due principali forze politiche: MAS o Mesa.

Tuttavia, la rinuncia di Añez risponde al cambiamento di strategia di tutta la borghesia autoctona, compresi i proprietari terrieri. La rinuncia di Añez chiude l’avventura politica del gorilismo[1] dell’oriente. In altre parole, la soluzione del colpo di stato o dell’autogolpe è diventata ormai impraticabile per la borghesia, almeno nell’attuale situazione politica, il che non ne esclude una possibilità in futuro. La borghesia nel suo complesso sta imboccando la strada della calma delle acque (“uscita elettorale”), perché ha in testa un compito titanico: avviare un periodo di recessione economica con l’asse di un patto politico tra le due forze principali: MAS e MESA. Cioè, come “fattori di contesa delle masse”, alcuni lavoratori, settori popolari, operai e indigeni; e altri della classe media. Per porre fine all’incertezza e aprire la strada alla “governabilità politica” del Paese. Una cosa che sembra improbabile.

La borghesia indigena non vede una via d’uscita indipendente per le masse lavoratrici e indigene, nemmeno Mallku[2] stesso ha rappresentato una tale opzione. El Mallku ha agitato le acque solo per negoziare posizioni politiche all’interno del MAS, scommettendo addirittura sulla “via d’uscita elettorale” stessa, confessando che avrebbe sostenuto Ruth Nina di Panbol – il partito legato alle rivolte della polizia che ha partecipato attivamente al colpo di stato di novembre-ottobre. La borghesia non punta nulla sull’autonomia politica delle classi sfruttate e oppresse. Questa cosa la rilassa e la porta ad abbassare il pollice alla Añez. Tuttavia, la recessione economica metterà tutte le classi sociali nel mezzo del confronto politico e sociale, e soprattutto i lavoratori e gli indigeni nella lotta per difendere la vita.

La svolta di gran parte della borghesia autoctona (imprenditori, agroindustriali e proprietari terrieri) verso una “soluzione elettorale” è dovuta anche al fatto che la leadership MAS di Evo Morales ha dato segni di disciplina politica allo Stato e alla classe dirigente. Non solo durante i 14 anni al potere, ma anche dall’inizio quando ha capitolato al colpo di Stato riconoscendo il governo de facto e optando per la falsa “pacificazione” del Paese. La più grande dimostrazione di servilismo politico da parte dei dirigenti del MAS e dello stesso Evo Morales nei confronti dell’oligarchia è stata la sua condotta politica di fronte al blocco stradale nazionale delle 20 province di Aymara di El Alto. Morales operava all’interno del movimento indigeno, che lottava per le dimissioni di Añez, come servitore dell’oligarchia e dell’imperialismo, creando tutte le condizioni per sconfiggerlo politicamente. Questo è ciò che ha ottenuto. Questa è stata forse l’ultima grande dimostrazione di sudditanza agli interessi della classe dirigente e agli stessi capi del colpo di Stato. Soprattutto, è stata la confessione da parte di Morales che è disposto a sconfiggere le proprie basi sociali se non accettano la fuoriuscita della borghesia autoctona, o la prossima cosa che accadrà sarà il riadattamento del FMI.

Ciononostante, l’oligarchia e gli uomini d’affari hanno accelerato il ritorno di Evo Morales nel paese. Il motivo è che si è esaurito il fattore di contenimento delle masse, oggi c’è un fattore di crisi e di agitazione nella classe media. Per questo la borghesia ha rifiutato la sua candidatura a primo senatore; e non ha mai preso in considerazione l’approdo di Morales nello Stato. La borghesia è consapevole che governerà con i discepoli di Evo Morales e con un partito in lotta interna. Vale a dire con un MAS al suo servizio e con un caudillo soggetto ai suoi disegni borghesi. In queste condizioni, la borghesia non ha bisogno della candidatura di Añez o di un governo protofascista o di uno basato sulla leadership militare. Più che mai, ha bisogno di un patto politico tra le due principali forze politiche per affrontare un periodo di recessione economica e attuare l’agenda politica del FMI e dell’imperialismo. Non va dimenticato che Morales e MAS non sono assolutamente pro-cinesi, e hanno mostrato simpatia per il settore imperialista statunitense di Bernie Sanders, che ha la sua fazione nei Democratici, e che nelle elezioni presidenziali di ottobre sostiene Biden (Democratico) contro Trump. È possibile che ci sarà un cambio di governo alla Casa Bianca, dovuto alla caduta elettorale di Trump, che ha senza dubbio risuonato nelle orecchie della borghesia boliviana per indicare un cambiamento di strategia politica.

Añez e il suo governo sono diventati una recita inutile (lo stesso vale per Camacho) e, naturalmente, politicamente poco redditizia per calmare le acque che si agitano a causa della chiusura delle fabbriche, dei licenziamenti, della violazione dei diritti dei lavoratori, della mancanza di lavoro e della crescente povertà. Ecco perché il declino di Añez non risponde all'”unità della democrazia” contro la “dittatura Masista” o al termometro elettorale, ma piuttosto alla pressione di fronte all’inevitabile crisi economica che sta attraversando tutti i pori della società, che richiede un patto politico a beneficio dei padroni capitalisti. In questo senso, la proposta di un “voto utile” contrario al MAS o, di un “voto duro” contrario alla destra neoliberale, è una finzione politica. Chi vota per MAS vota per Mesa, e viceversa.

Carlos Mesa e MAS (Arce Catacora, Evo Morales, Choquehuanca, Andrónico, Loza, Eva Copa) si preparano a governare insieme. In questo schema, i primi interessi sono quelli di soddisfare il capitale straniero, le transnazionali, l’oligarchia dell’oriente – la proprietà privata della borghesia; contro gli interessi dei lavoratori della campagna e della città. La disputa politica sostanziale non sarà tra MAS e Mesa; ma tra MAS-Mesa contro le masse di lavoratori e indigeni.

Noi di Socialismo Revolucionario riteniamo che l’unico voto utile sia il voto nullo/bianco nelle prossime elezioni presidenziali. L’autonomia politica delle masse di lavoratori e di indigeni è nel voto nullo o bianco; recuperare il COB e tutti i sindacati dalla burocrazia Masista /mesista e proporre un piano di lotta in difesa della vita e dei diritti dei lavoratori.

Pubblicato da SOCIALISMO REVOLUCIONARIO il 26 SETTEMBRE 2020

[1] Termine utilizzato in Argentina per riferirsi a politiche reazionarie di destra, militariste, golpiste e anticomuniste.

[2] El Mallku è lo storico leader contadino Felipe Quispe Huanca,che nel 2003 ha guidato il blocco stradale che si è concluso con la cacciata dell’ex presidente Gonzalo Sánchez de Lozada. Nel passato recente ha guidato anche delle rivolte contro Evo Morales.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...