Comunicato dei Marxisti Rivoluzionari dell’Azerbaigian

Pubblichiamo il comunicato dei compagni marxisti rivoluzionari azeri riguardo al risveglio del conflitto tra Azerbaigian e Armenia. Non esiste un link di riferimento perché ricordiamo che in Azerbaigian sono stati chiusi i siti internet ed è previsto il carcere per le contestazioni.


Il centenario conflitto si è intensificato di nuovo nel 1988. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, iniziò la guerra tra le unità del Nagorna-Karabakh; Armenia e Azerbaigian. La guerra che ne seguì terminò nel 1994 da parte armena che prese il controllo del Nagorno-Karabakh e dei territori limitrofi dell’Azerbaigian. La guerra è stata testimone di massacri, crimini di guerra, ecc. Quasi settecentomila azeri sono diventati rifugiati. La disputa del Karabakh si è deteriorata ripetutamente negli ultimi decenni, ma questa volta il conflitto ha raggiunto la sua forma peggiore. Centinaia di soldati (e anche di civili) sono stati uccisi da ogni parte.
Dovremmo dire che “Il nemico principale è a casa”. Né la borghesia armena né quella azerbaigiana sono in grado di risolvere il problema e non cercano nemmeno la soluzione. Tutto il fardello della guerra è caricato sulle spalle della classe operaia. Le persone di entrambe le parti hanno sofferto a sufficienza per la guerra, la recessione economica, la repressione politica. Entrambi i governi usano una retorica nazionalista e sciovinista per manipolare il popolo. Ma dovremmo sapere che il nemico non è il popolo armeno o azero. I nostri nemici sono i governi e le classi dominanti che hanno usurpato le risorse di tutte le persone a loro vantaggio per tre decenni.
Hanno distrutto ogni accesso alla libertà e alla legge, il nostro ambiente naturale, la nostra cultura e la nostra storia. Hanno occupato risorse minerali, ambienti naturali per i propri interessi.
Chiediamo pace immediata, chiediamo di fermare la guerra.
Anche la Turchia, come membro della NATO, e la vicina reazionaria Russia sono molto interessate al conflitto. Lo slogan “Né Russia né NATO” rappresenta il nostro punto di vista in questa situazione. Il coinvolgimento della NATO in qualsiasi disaccordo nel Caucaso non deve essere oggetto di discussione. Dobbiamo lottare contro il desiderio di entrare nel Caucaso dell’imperialismo e della NATO. Dobbiamo fare del nostro meglio per vanificare tutti gli sforzi di interferenza della Russia, che è uno stato capitalista e sfruttatore. Dobbiamo fare del nostro meglio per prevenirlo.
Abbiamo una soluzione al conflitto. Dobbiamo istituire la Federazione socialista del Caucaso.
Marxisti Rivoluzionari dell’Azerbaigian

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...