Una crisi rivoluzionaria soffia sulla nuca degli Stati Uniti

Pubblichiamo la traduzione dell’articolo di Jorge Altamira su Polìtica Obrera del 01/09/2020 (https://politicaobrera.com/internacionales/2554-una-crisis-revolucionaria-sopla-en-la-nuca-de-los-estados-unidos).

Lo slogan di “legge e ordine” che Trump e il Congresso del Partito Repubblicano hanno impresso alla campagna elettorale non è semplicemente una manifestazione di estrema destra. Trump ha usato questo slogan per sostenere l’azione delle milizie armate contro le manifestazioni di protesta che si stanno espandendo contro la brutalità della polizia. In altre parole, ha intrapreso una campagna di agitazione nazionale, nelle dieci settimane che mancano alle elezioni di novembre, con caratteristiche fasciste. Gli attacchi criminali organizzati di queste milizie sono ora aiutati da una campagna sistematica in tutto il Paese, sostenuta da ingenti fondi. Scommettono su un referendum di massa per l'”ordine”, un eufemismo che viola le più elementari garanzie dei cittadini.

Per caratterizzare questa svolta politica, non basta interpretarla come risposta alle mobilitazioni in difesa della vita della popolazione nera – “black lives matter“. Da prima dell’assassinio per asfissia di George Floyd da parte della polizia, la pandemia aveva scatenato una chiara crisi politica in relazione al trattamento da riservare alla bancarotta economica e sociale prodotta dalla pandemia. L’irruzione del Covid-19 ha colpito duramente le relazioni sociali negli Stati Uniti – in peggioramento da molto prima e soprattutto dopo la crisi finanziaria e la recessione economica del 2007/9. In pochi giorni e settimane, la disoccupazione e il calo dei redditi hanno scosso le condizioni di vita di milioni di lavoratori. L’incertezza della popolazione sulla prospettiva sanitaria ha destabilizzato a fondo l’accumulazione capitalistica, che lo Stato ha aiutato con un’iniezione senza precedenti di debito pubblico e di emissione monetaria. La limitazione dell’attività economica, attraverso quarantene più o meno parziali, ha scatenato una crisi politica tra il governo federale e gli Stati, alimentando le provocazioni delle milizie, che sono scese in piazza in nome della “libertà”. Come ovunque, la piccola proprietà è diventata il catalizzatore dei risentimenti fascisti, perché costituisce l’anello debole della catena del capitalismo. Mentre i “tecnici” vedono le azioni salire freneticamente in borsa, alimentati da denaro a basso costo, una parte considerevole del commercio e dell’industria ha presentato richiesta di fallimento. La pandemia ha avuto un brutale effetto sistemico su un’organizzazione capitalista che, da un lato, ha ridotto la disponibilità di manodopera per lo sfruttamento e, dall’altro, ha polverizzato la protezione sociale di quella forza lavoro, nella sua accezione più ampia – salari, alloggi, salute, istruzione e precarietà e sovrasfruttamento del lavoro. La pandemia ha messo a nudo il gigantesco decadimento del capitalismo in misura maggiore di una crisi finanziaria, e quanto accade quando il capitalismo affronta un brutale crollo economico, come dimostra il salvataggio illimitato che richiede allo Stato.

Trump e il Partito Repubblicano non solo intraprendono un’agitazione politica fascistizzante, ma mettono anche in discussione il processo elettorale, a cui attribuiscono irregolarità vicine ala frode. C’è un feroce confronto sulla trasparenza delle elezioni, dalla messa in discussione del voto per corrispondenza alla solvibilità del scrutinio dei voti. Trump sfrutta senza scrupoli la certezza che un ampio settore dell’elettorato eviterà di andare direttamente alle urne, a causa del pericolo di contagio, per delegittimare le Poste Centrali e rendere difficile il voto a distanza. Per molti osservatori, la notte delle elezioni potrebbe trasformarsi in un incubo politico, con due candidati che rivendicano la propria legalità, e uno di loro, Trump, che ha il potere effettivo. Gli Stati Uniti rischiano di trovarsi di fronte a una via d’uscita extra costituzionale o di fatto, dopo una campagna di agitazione fascista da parte dell’amministrazione in carica.

Per chi sostiene che il costituzionalismo nordamericano sia inciso nel bronzo, la possibilità di un tale scenario fa dare per scontato la vittoria dello sfidante, Joe Biden. Il sostegno dell'”establishment” per il candidato democratico è molto ampio. Da un lato, riunisce tutte le cricche repubblicane ostili a Trump, dalla famiglia Bush e i sostenitori degli ex candidati Dick Romney e del defunto McCain. Lo stesso vale per la borghesia dell’Unione Europea. A ben guardare, Biden è il candidato alla NATO e all’intervento militare ai confini della Russia e nel Medio Oriente, compreso la permanenza in Afghanistan, nell’Asia centrale. Diverse dimissioni dei ministri di Trump, in particolare del ministro della Difesa, John Mattis, sono state causate dalle minacce di Trump di ritirare le truppe americane dalla Germania e da quella che hanno denunciato come una politica di “pacificazione” con Putin. Lo stesso vale per l’abbandono dell’Afghanistan. In breve, giudicano le vessazioni di Trump nei confronti dell’Unione Europea come “funzionali” alla Russia. Al momento, i democratici e i governi europei stanno mostrando una linea di “confronto” con Putin di fronte alla ribellione popolare in Bielorussia, che Trump non accompagna. Queste formidabili contraddizioni devono essere studiate ulteriormente, ma si può prevedere che il fascismo non si gestisce tramite “alleanze” internazionali, ma attraverso la supremazia e la libertà d’azione. Infine, Biden ha il sostegno degli apparati di sicurezza nazionale, i cui leader si sono rivoltati uno ad uno contro Trump. La crisi politico-elettorale attraversa tutti i campi d’azione dell’imperialismo statunitense.

Non deve sorprendere che, in queste condizioni, il Congresso abbia chiesto all’alto comando militare di chiarire da che parte si schiererebbe in caso di una crisi di potere post-elettorale. Ma è un fatto assolutamente straordinario. È lo stesso alto comando che ha bloccato la decisione di Trump di inviare le forze armate per reprimere le mobilitazioni anti-polizia. I militari hanno risposto che stavano difendendo la Costituzione, che è proprio ciò che è in discussione. Ciò che conta è che, negli Stati Uniti, le forze armate sono state chiamate ad agire come arbitri “in pectore”. Questo è il risultato della crisi mondiale.

Alla luce di tutto questo, si può concludere che gli Stati Uniti hanno un governo debole – la marcia della pandemia sul loro territorio lo dimostra molto chiaramente. Le spavalderie di Trump cercano di nascondere questa debolezza; è probabile che il suo fascismo di dieci settimane entri in crisi prima che prenda il volo, e la sua candidatura dovrà prendere un’altra piega politica. Per ora, ha già detto che vuole anticipare l’applicazione di un vaccino contro il Covid-19, con l’intenzione di fare una campagna sui temi della salute. Al momento c’è un vigoroso movimento di insegnanti e genitori contro la riapertura delle classi. Le code dei lavoratori disoccupati per il cibo stanno già occupando lo scenario nazionale. Il contrasto tra l’aumento del mercato azionario e la questione del denaro per salvare il capitale, con la miseria crescente della popolazione, sta portando un numero crescente di lavoratori alla rivolta. Il Partito Democratico sta facendo del suo meglio per togliere le masse dalle strade, sostenendo che questo è ciò che vuole Trump. È una dimostrazione della disperazione del Partito democratico e persino della sua impotenza. In molti distretti, i politici di rilievo democratici hanno perso le loro nomine a nuovi leader, rendendo la politica reazionaria di questo partito ancora più irritante, ma continua a mostrare la propria tendenza alla dissoluzione.

Una vittoria elettorale per Biden non farebbe tornare gli Stati Uniti ai bei vecchi tempi. L’incapacità di un governo Biden di affrontare la crisi storica del Paese diventerà presto evidente. Prima che le fiamme del fascismo si spengano, l’aggravarsi della crisi prima o poi le riaccenderà di nuovo. Gli Stati Uniti potrebbero diventare una Repubblica di Weimar più velocemente di quanto si pensi, con la differenza che non avranno bisogno di riarmarsi, a differenza della Germania che ha preceduto Hitler, perché è più attrezzata del mondo intero. Una crisi di tale portata scuoterà la classe operaia fino al midollo – in primo luogo, come già avviene per i giovani in fase di precarizzazione. La rivoluzione socialista che ha debuttato nel territorio più arretrato dell’Europa sta facendo sentire il suo respiro nella parte più avanzata del pianeta.

La Quarta Internazionale deve discutere questo orizzonte politico, stabilire un programma in accordo con esso, e darsi i mezzi organizzativi per condurre il socialismo internazionale alla vittoria finale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...