Lunga vita alla Bielorussia rossa

Pubblichiamo la nostra traduzione di un articolo di Volodymyr Chemeris, tradotto in inglese da Greg Butterfield, pubblicato in origine sul sito dei compagni ucraini Liva.com.ua (https://liva.com.ua/long-live-red-belarus.html).

Siamo tutti usciti da un unico mantello: l’URSS. Bielorussia, Ucraina, Russia, Georgia, Kirghizistan. Avevamo condizioni di partenza simili, ovviamente con le nostre specifiche locali. E dopo il crollo dell’Unione Sovietica, abbiamo attraversato processi simili di trasformazione sociale, economica e politica.

Sono emersi regimi autoritari che erano necessari per la neonata classe della borghesia per un’accumulazione primaria di capitale – Eltsin, Kuchma, Shevardnadze, Akayev, Aliyev … I presidenti di questo periodo erano davvero percepiti come garanti e arbitri – garanti dell’inviolabilità dell’ex proprietà pubblica saccheggiata e arbitri nelle controversie tra diversi gruppi del grande capitale.

Ma allo stesso tempo è nata una distanza sociale tra i favoriti del nuovo sistema – grandi imprese, oligarchi – e outsider, altri gruppi sociali, dai lavoratori salariati ai piccoli imprenditori.

Ciò ha scatenato le proteste, i cui principali slogan erano per i diritti civili. Queste proteste hanno ricevuto il nome ucraino “Maidan”, poiché la prima di esse è iniziata in Ucraina (l’azione “Ucraina senza Kuchma” nel 2001). Tuttavia, questi (movimenti) Maidan non potevano cambiare il sistema e non intendevano cambiarlo. Con la concentrazione delle risorse, il grande capitale ha potuto utilizzare i Maidan, che hanno avuto luogo sia nelle rumorose piazze sia nel silenzio degli uffici governativi, per contrapporre alcune fazioni dell’oligarchia ad altre. Oppure esso ha semplicemente nominato ai vertici candidati più accettabili per risolvere le istanze in corso. Ecco come sono comparsi Putin, Saakashvili, Yushchenko, Altynbaev.

Questi processi hanno esacerbato l’influenza finanziaria, e quindi ideologica, del capitale transnazionale. Dopo aver sconfitto il loro nemico nella Guerra Fredda, i capitalisti occidentali volevano dominare i territori conquistati, guadagnando mercati, materie prime e manodopera a basso costo.

Ma tutte le analogie hanno i loro difetti. L’Ucraina e la Bielorussia sono probabilmente i paesi più vicini sotto tutti gli aspetti. Seguiamo percorsi simili, ma a velocità diverse.

Dopo aver ricevuto un enorme sostegno dai bielorussi e aver stabilito uno dei regimi autoritari più duri nello spazio post-sovietico, il presidente Lukashenko è riuscito a preservare molti standard sociali, la maggior parte delle imprese industriali. E, manovrando, è riuscito, anche se per un determinato periodo, a restare in una posizione intermedia tra Est e Ovest. Inoltre, dopo lo scontro tra Ucraina e Russia, la Bielorussia ha effettivamente tolto all’Ucraina la posizione di Stato cuscinetto.

Tutto questo fu assicurato dai 25 anni di governo del “Padre della patria”. Tuttavia, le tendenze generali si manifestano oggi in Bielorussia.

Le “riforme” di mercato hanno interessato anche i bielorussi, che si trovano tra due giganti capitalisti: l’UE e la Federazione russa. Da un lato, queste riforme hanno colpito i lavoratori. Dall’altro, sono nati nuovi gruppi sociali, che includono le grandi imprese e le loro clientele. I primi sono insoddisfatti della natura antisociale delle “riforme” (la legge contro “parassiti” [i], contratti di lavoro). I secondi vogliono rapidamente passare ad un sistema di mercato. E questi due opposti si sono uniti negli eventi di oggi.

Le proteste in Bielorussia hanno cause sociali, come in Ucraina e Georgia. E, come in molti paesi post-sovietici, le elezioni presidenziali sono state per esse la scintilla. Ma la domanda principale è: chi sarà il beneficiario delle proteste? Chi salirà al potere in seguito al prossimo Maidan e potrà realizzare i propri interessi? Ovviamente, qualcuno che abbia le risorse, i media e le capacità necessarie.

In Bielorussia, come in Ucraina, si tratta di una borghesia conquistatrice, collegata all’Occidente e alla Federazione Russa. Non esiste un movimento sociale significativo con un’agenda sociale, un’entità politica di sinistra che possa prendere il potere e attuare riforme sociali nell’interesse della classe operaia. Alle manifestazioni di protesta dei lavoratori di MAZ o BELAZ, le richieste sociali serie sono quasi inascoltate – tranne forse nella loro forma più generale e amorfa.

I programmi dei concorrenti di Lukashenko, legati agli interessi dei capitalisti stranieri, includono privatizzazioni, vendita di terreni, riforme neoliberiste e implicano la decomunizzazione, cosa familiare in Ucraina. In breve, tutto ciò che viene implementato ora in Ucraina. Sia che il regime di Lukashenko cada, sia che rimanga presidente, per ora, a seguito di accordi con attori esterni, questi programmi saranno implementati nel paese nel prossimo futuro.

Questo è l’interesse del capitale transnazionale, per il quale la Bielorussia, come l’Ucraina, non è altro che un’appendice di materie prime, un mercato di vendita, un serbatoio di manodopera a basso costo. Non realizzeranno riforme sociali né in Bielorussia né in Ucraina. Questo non è nell’interesse del capitale occidentale e russo.

La Bielorussia, come l’Ucraina, ha bisogno di cambiare. Un cambiamento sociale. E certamente avverrà, perché ciò è richiesto dalla logica dei processi sociali nei nostri paesi e dalla crisi del capitalismo mondiale. Se i cambiamenti sono impossibili con mezzi parlamentari, avverranno attraverso i Maidan. Maidan sociali.

Ma succederà solo quando sia noi che i nostri vicini avremo un movimento sociale organizzato che può offrire alla società un’agenda sociale indipendente dall’agenda della destra. E attuare un programma di cambiamento sociale, non di mercato.

Senza questo, la lotta per la libertà – in alleanza con il capitale transnazionale e la borghesia conquistatrice – si trasformerà in una mancanza di libertà incommensurabilmente maggiore, con la soppressione finale dei diritti sociali e civili.

Sia in Ucraina che in Bielorussia!

[i]  Legge introdotta da Lukashenko nel 2015, che fa pagare una tassa (250 dollari in rubli bielorussi) a coloro che sono inoccupati per più di 6 mesi in un anno e non sono iscritti alle liste di disoccupazione. La pena per il mancato pagamento prevede l’arresto o l’obbligo di prestare attività socialmente utili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...