ANTRATSIT: SCIOPERO SOTTOTERRA

Oksana Chelysheva, 11/06/2020

Pubblichiamo la nostra traduzione di un articolo di Oksana Chelysheva, originariamente comparso su Liva.com.ua sullo sciopero dei minatori ucraini scoppiato nella miniera “Komsomolskaya” nella città di Antratsit, nella “Repubblica Popolare di Lugansk” e la conseguente repressione da parte delle autorità della LNR. La battaglia dei minatori ucraini contro le autorità della “repubblica” nel Donbass è complementare alle battaglie dei minatori e dei metallurgici che negli ultimi anni hanno attraversato tutta l’Ucraina contro il regime politico sorto in seguito agli eventi di Maidan. La classe operaia ucraina può trovare la via della sua emancipazione solo sul terreno dell’indipendenza dal nazionalismo ucraino pro imperialista e dal nazionalismo pro russo.

“Il 10 giugno si è saputo dell’inizio dello sciopero della fame dei minatori.”

Link alla versione originale https://liva.com.ua/antraczit-podzemnaya-zabastovka.html

Nella miniera “Komsomolskaya” (che dopo la ristrutturazione si chiama “Vostok-Ugol”), situata nella città di Antratsit, i minatori sono in sciopero dal 5 giugno. I minatori chiedono il pagamento degli stipendi arretrati e delle garanzie sociali. Il numero di scioperanti è stimato tra i 114 e i 119, ma due persone sono risalite ieri perché hanno avuto problemi di pressione, e un altro è stato costretto a salire in superficie a causa di un infortunio alla gamba.

Il 10 giugno, il canale televisivo “Lugansk Inside” ha riportato l’inizio dello sciopero della fame dei minatori. La ragione di ciò sono state le numerose detenzioni dei minatori, effettuate a partire dal 7 giugno. Inoltre, secondo quanto riportato nei social network e nei canali telegrafici, il servizio di autobus tra Antratsit e Rovenki è stato interrotto. La spiegazione ufficiale di queste misure è l’aggravamento della situazione pandemica. Ma, come ha notato A.E., il padre dei due minatori detenuti, lo scoppio del coronavirus è coinciso con l’inizio dello sciopero (non fornisco i nomi completi dei miei interlocutori per motivi di sicurezza, e tutte le loro informazioni di contatto sono state trasferite alle organizzazioni per i diritti umani competenti).

A.E. è un residente di Krasnyi Luch. Lavorava anche lui in miniera, ora è in pensione. Due dei suoi figli lavorano alla “Komsomolskaya”, ma non si sa dove si trovino. Il 6 giugno gli agenti della sicurezza sono venuti a casa loro, hanno perquisito e hanno preso entrambi i figli. La perquisizione è stata effettuata senza un mandato o un protocollo. Tutti i computer, i telefoni e i media digitali sono stati sequestrati. Al momento della ricerca, il figlio più giovane non era in casa – è andato al mercato alimentare ed è scomparso con la sua auto. Il padre dice: “Sono andato alla stazione di polizia. Dicono di non averlo loro. Lo hanno mandato al MGB[1]. Ci sono andato, ma mi hanno detto: “vai a cercarlo a Lugansk”.

Sono riuscita a contattare la moglie di un altro minatore di Antratsit, il cui nome era sulla lista di quelli detenuti a Lugansk. Anche Oleg Mikhailichenko è stato arrestato il 6 giugno, e sua moglie ha detto che suo marito è tornato a casa a mezzanotte dell’8 giugno. È difficile determinare il numero esatto di minatori detenuti. Non si sa dove si trovano almeno 14 persone. Anche se alcune fonti sostengono che il numero dei detenuti all’11 giugno potrebbe raggiungere le 24 unità. La verifica e il chiarimento delle informazioni sulla situazione dei minatori in sciopero è complicata dal fatto che i social network a Lugansk sono stati bloccati.

Ad oggi è stato possibile stabilire i nomi dei seguenti detenuti: i fratelli Efanovs, Igor e Vitaly, e Dmitri Glushchenko di Krasnoye Ray, così come Sergei Duvansky, Sergei Sanyuk, Dmitri Butkov, Vitaly Romanov – residenti a Belorechensk e Rovenkov. Ci sono anche informazioni su almeno tre donne detenute – una di loro potrebbe essere incinta. Ci sono notizie che alcuni minatori detenuti sono stati rilasciati – come è successo con Gennadi Letiago, Yevgeni Mikhailichenko e Yuri Voronin. Tuttavia, dopo aver rilasciato Voronin, gli ufficiali del MGB hanno preso un altro membro della famiglia, di cui stiamo cercando di stabilire il nome.

Secondo i miei interlocutori di Lugansk, la miniera  “Komsomolskaya” è formalmente di proprietà dello Stato. Tuttavia, di fatto tutte le decisioni sono prese dal VneshTorgServis[2] sotto la guida dell’oligarca Sergei Kurchenko. E quella che lui chiama “ristrutturazione” è in realtà la chiusura di promettenti miniere, come “Nikanor-Novaja” a Zorinsk. I miei interlocutori dicono che la “ristrutturazione” di Kurchenko è stata progettata per aumentare la produzione di carbone nelle imprese illegali in stile “kopanka”[3], dove i minatori non hanno garanzie sociali. Lo dimostra anche la chiusura del sanatorio minerario di Rovenky, dove nel corso di un anno si potevano riabilitare fino a mille minatori. Le malattie professionali dei minatori comprendono la bronchite da polvere, la silicosi derivante dall’esposizione alla polvere con un alto contenuto di diossido di silicio, l’enfisema e i “polmoni neri” – il risultato dell’esposizione alla polvere di carbone.

Lo sciopero continua. Si sostiene che chi ha lavorato nelle miniere di Krasnodon e Rovenkov spesso non può lavorare nelle miniere “Komsomolskaya” e “Nicanor-Nova”. E dagli altri pretendono l’impegno scritto che saliranno in superficie dopo il turno. Un residente di Lugansk, L., nativo del villaggio di Dubovsky, dove si trova la miniera “Komsomolskaya”, dice: “I minatori sono persone che non hanno più paura di nulla. Quando si scende sotto terra, si capisce cos’è la paura. Mio padre ha lavorato come minatore per tutta la vita. A un certo punto, nessuno dei suoi coetanei era ancora vivo. Sono tutti morti nelle miniere. Con cosa possono spaventarli?”

I miei interlocutori a Lugansk dicono: la necessità di riorganizzazione si spiega con il fatto che storicamente le miniere erano gestite da trust situati nei distretti. Lugansk svolgeva solo il ruolo di una sorta di ministero, dove si concentravano le informazioni. Le miniere, il carbone e i flussi di denaro erano gestiti dai trust stessi. Secondo alcuni residenti di Lugansk, lo sciopero ha riguardato le miniere, che erano sotto la responsabilità del trust “Antratsit-Ugol”.

Alexander Vaskovsky, co-presidente dell’Unione Minatori Indipendenti del Donbass, dice: “A maggio, invece dei soliti 30.000 rubli, sono stati pagati 11.000 rubli per i minatori. Si dice che Lugansk stia discutendo di piani per criminalizzare la partecipazione agli scioperi introducendo un articolo corrispondente nel codice penale. La gente non è soddisfatta della gestione esterna delle miniere, degli arretrati salariali, della corruzione. Allo stesso tempo, tutti sanno che la centrale termica della città di Ščastja è completamente fornita di carbone, che viene estratto dalle kopanke di Lugansk. Cioè il carbone proveniente dalla parte incontrollata entra ininterrottamente nel territorio controllato dal governo dell’Ucraina”.

Nel frattempo, il canale Telegram di “Lugansk Inside” ha riferito che il 10 giugno il MBD della Repubblica[4] ha rivelato il fatto dell’estrazione illegale di carbone da cava nel distretto di Lutuhyn, nella regione di Lugansk. Il 9 giugno, le forze dell’ordine hanno sequestrato 10 tonnellate di carbone dalla miniera vicino al villaggio Lenin. Il 4 giugno, l’estrazione illegale di carbone è stata rilevata in una miniera a cielo aperto vicino al villaggio di Bokovo-Platove. Inoltre, questo canale Telegram sottolinea che nel gennaio 2020 i procuratori, effettuando il sequestro di carbone presso un’altra kopanka illegale, hanno rivelato il coinvolgimento dell’ex sindaco di Antratsit Anatoli Andriyenko, che non è stato ancora punito per aver organizzato questa attività.

[1] Ministero della sicurezza dello Stato della Repubblica Popolare di Lugansk [n.d.t.]

[2] Servizio per il Commercio Estero [n.d.t.]

[3] Un sito di estrazione illegale, principalmente di carbone. [n.d.t.]

[4] Ministero degli Affari Interni della Repubblica Popolare di Lugansk [n.d.t.]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...