OTTO PUNTI PER CAMBIARE IL SISTEMA

Pubblichiamo la nostra traduzione di questo testo, scritto dall’attivista ucraino per i diritti umani Volodimir Cemeris, in cui si fa una sintesi in 8 punti per una radicale trasformazione rivoluzionaria della società ucraina e sui quali è necessario rifondare una sinistra che rappresenti le ragioni sociali dei lavoratori. (Fonte liva.com.ua)

Le riforme sociali richiedono una nuova forza politica, sociale e di sinistra

È arrivata una crisi nel mondo e in Ucraina – un’altra crisi del capitalismo globale, in gran parte rafforzata dalla pandemia. La crisi si traduce prima di tutto in licenziamenti di massa, declino della produzione di beni e servizi, fallimento di imprese e di intere industrie.

Ma la crisi, oltre a tutto questo, è un’opportunità.

Un’opportunità per cambiare una società costruita sul profitto, sullo sfruttamento, sulla disuguaglianza, e sulla trasformazione di tutto e di tutti in merce, in una società di umanesimo, di assistenza reciproca, di cooperazione, di libertà e di uguaglianza. La possibilità di cambiare la direzione del movimento sociale.

 

Cosa offre il governo

Il Presidente insiste nella continuazione della riforma agraria (vendita di terreni), nella riforma del lavoro (infatti, darà ai padroni il diritto di licenziare i lavoratori quando vogliono). Il capo della commissione parlamentare dichiara il proseguimento della riforma della sanità Suprun.

Il Governo propone di modificare il bilancio in modo da ridurre la spesa sociale per istruzione, ricerca, infrastrutture e comunità territoriali. Ma lascia intatto la gigantesca spesa militare.

Il governo propone di mantenere i rapporti con i creditori internazionali, come il FMI. Questo significa soddisfare tutti i loro ultimatum – vendita di terreni, privatizzazione totale, aumento delle tariffe, ecc. In cambio, si propone di ottenere un prestito – meno del debito che dovremo rimborsare solo quest’anno. I prestiti saranno utilizzati per rimborsare il debito – e poi dovremo pagare un extra (un interesse).

Come prima, la classe dirigente scaricherà sulle spalle dei lavoratori il peso della crisi e della lotta contro la pandemia. Coloro che creano la ricchezza nazionale.

Vediamo che la sanità “riformata”, “ottimizzata” dell’Ucraina non è in grado di resistere alla pandemia. Il rattoppo veloce dei buchi creati dalla riforma del sistema sanitario nazionale, come il ritorno del servizio sanitario-epidemiologico, non potrà cambiare radicalmente questa situazione.

 

Ciò di cui l’Ucraina ha bisogno.

  1. È necessario abolire la Medreform [riforma sanitaria, n.d.t.] di Suprun e stabilire un sistema sanitario accessibile e sicuro per tutti. Le cliniche e gli ospedali chiusi a causa della riforma sanitaria devono essere riaperti – o almeno il numero e le garanzie sociali degli operatori sanitari dovrebbero essere mantenute.

La salute umana, come l’istruzione e la vita stessa, non può essere una merce. Tutto questo richiede notevoli investimenti.

  1. Abbiamo un enorme budget militare pari al 5% del PIL. Questo può coprire in modo significativo le esigenze mediche e sociali della popolazione. Per farlo, è necessario interrompere immediatamente le operazioni militari e recuperare i territori incontrollati del Donbass. Ciò può essere fatto rapidamente – attraverso l’attuazione decisiva degli accordi di Minsk, non attraverso la finzione della loro attuazione. E anche attraverso l’eliminazione delle cause interne del conflitto, che stanno dividendo l’Ucraina – divieti ideologici, persecuzioni politiche, decomunistizzazione.
  1. Istituzione di un sistema di tassazione progressiva, che permetta di ridistribuire sistematicamente le risorse degli oligarchi alle esigenze sociali dell’Ucraina. Non sulla base della “carità”, che, come dimostra l’esperienza, non è mai gratuita.
  1. Nazionalizzazione delle imprese e delle industrie strategiche, le cui risorse sono necessarie in situazioni di emergenza.
  1. Controllo dell’aumento dei prezzi per i beni e servizi più importanti – salute, cibo, trasporti, comunicazioni.
  1. Revisione e cancellazione delle relazioni con i finanziatori internazionali, in particolare con il FMI. Default, deficit di bilancio, svalutazione – non sono la fine dell’economia, ma strumenti che possono essere utilizzati per costruire un nuovo sistema progressivo, non un’economia da Terzo Mondo.
  1. Indennità per i lavoratori licenziati e mandati in congedo non retribuito durante la quarantena. Aumento dei programmi sociali e degli stipendi. Questa richiesta non è populismo. Tali stipendi possono essere un investimento interno che rilancia l’economia. Almeno perché gli investimenti esterni promessi dai “riformatori” nessuno li ha ancora visti.
  1. Abolizione della “riforma agraria”. Stimolazione di forme collettive di agricoltura e di piccole coltivazioni.

L’Ucraina non ha bisogno di riforme di mercato, “libertarie”, ma di riforme sociali.

Ciò richiede la volontà politica di realizzare riforme sociali. L’attuale governo ucraino non ha tale volontà e non l’avrà in futuro. È lo stesso rappresentante del grande capitale di tutti i governi precedenti. Con esso, stiamo percorrendo la stessa strada degli anni precedenti. È un percorso di crescente disuguaglianza, deindustrializzazione, perdita di popolazione, perdita dei nostri diritti e delle nostre libertà.

Le riforme sociali richiedono una nuova forza politica, sociale e di sinistra, per difendere gli interessi delle classi lavoratrici.

Se condividete le stesse idee, avete vostre proposte, o volete semplicemente sostenere queste tesi, scriveteci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...