STANNO TAGLIANDO TUTTO. LA “RIFORMA” NEL BEL MEZZO DI UNA PANDEMIA

di Andriy Manchuk

Tratto da Liva.com.ua, pubblicato il 02.05.2020

https://liva.com.ua/sokrashhayut-vsyo.-reforma-v-razgar-pandemii.html

“L’umore è di protesta, la gente è spinta all’estremo, molti hanno semplicemente esaurito la pazienza”

La “riforma” medica “può portare a un’epidemia di tubercolosi”, ha detto il ministro della sanità ucraino Maksym Stepanov. “Ad oggi, abbiamo un deficit di finanziamento degli istituti di tubercolosi fino all’80%. Le conseguenze saranno le seguenti: tra due o tre anni riceveremo un aumento del 30% del tasso di incidenza, un aumento del 30% del tasso di mortalità e una riduzione del numero di operatori sanitari, che coinvolgerà migliaia di persone”, ha detto l’alto funzionario.

Egli recentemente ha descritto il quadro desolante della riforma sanitaria ucraina, affermando che nel Paese manca il numero necessario di medici, di cliniche e persino di dispositivi di protezione di base. Il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato della stessa cosa in modo sincronizzato, il che significa che la pandemia fa riflettere sulle conseguenze del risparmio totale sulla salute dei nostri concittadini.

La seconda fase della riforma antisociale intitola a Ulyana Suprun[1], iniziata il 1° aprile sullo sfondo dell’offensiva COVID-19, ha ridotto gli stipendi dei medici ucraini, spingendo molti di loro ad abbandonare la professione. Anche se sembra una follia sullo sfondo di una carenza catastrofica di personale medico. Inoltre, la riforma prevede la riduzione delle strutture mediche – in primo luogo, si prevede di chiudere le cliniche psichiatriche e per la cura della tubercolosi, che sono state dichiarate una pesante eredità dell’assistenza sanitaria dell’era sovietica.

Infatti, durante il periodo sovietico, ogni oblast[2] aveva circa tre o quattro dispensari[3] per monitorare la situazione epidemiologica della regione e la vaccinazione di massa della popolazione. Già negli anni Venti, il famoso vaccino BCG[4] cominciò ad essere utilizzato per questo scopo – secondo ipotesi non confermate, potrebbe ridurre la mortalità da coronavirus e aiutare inequivocabilmente nella lotta contro la lebbra, l’ulcera del Buruli, le microbatteriosi, così come alcuni tumori.

La riforma prevede l’eliminazione delle cliniche per la cura della tubercolosi, che dovevano essere sostituite da un centro regionale per la fisioterapia. Secondo i suoi sostenitori, i pazienti hanno cessato di essere contagiosi nel giro di poche settimane di permanenza nella clinica, dopo di che possono essere rilasciati in modo sicuro per strada e a casa. Anche se tutti capiscono che dietro a tutto questo c’è un banale desiderio di risparmiare sul trattamento dei pazienti. Poiché una terapia completa per la tubercolosi richiede due anni, è garantito che le persone dimesse prematuramente saranno portatori del bacillo di Koch[5]. Così, i risparmi immaginari sono un vero e proprio crimine per la società, che può pagare un prezzo molto alto a causa loro – a livello economico e della vita.

“Una volta che la riforma sarà in corso, il regime di trattamento degli ospedali per la tubercolosi dovrebbe cambiare. I pazienti resteranno in ospedale solo per circa 30 giorni, dopodiché ci saranno solo visite ambulatoriali. Il problema è che 30 giorni non sono sufficienti a rendere la forma di TBC sicura e non contagiosa per gli altri. Di solito, occorrono da due mesi a diversi anni di trattamento”, dice Myron Oleinik, medico capo del dispensario sulla tubercolosi di Cherkassy, che ha dovuto ridurre il suo personale da 500 a 300 dipendenti, cioè licenziare quasi la metà del suo personale.

La stessa cosa sta accadendo ora in tutta l’Ucraina. Così, i licenziamenti di massa hanno luogo nella regione di Mykolaiv – i funzionari sopravvivono nel modo più cinico. Hanno offerto all’unico medico specializzato in tubercolosi del distretto di Berezanskyi di lavorare con i pazienti affetti da tubercolosi per 1900 grivne[6]. E poi l’hanno subito licenziata per aver rifiutato, tagliando contemporaneamente altri 34 medici “inutili”, nonostante il numero crescente di casi, che indicano chiaramente la necessità di misure terapeutiche e preventive.

Ci si sbarazza anche dei pazienti gravemente malati. Questo è ciò che è successo in un incidente simbolico in Transcarpazia[7], dove nel primo giorno della seconda fase della riforma Suprun, un “ambulanza” ha portato fuori un senzatetto con una forma acuta di tubercolosi nel centro del villaggio di Korolev. “L’ospedale del distretto di Vinogradovskaya ha chiuso il reparto di tubercolosi, e non c’è posto nell’ospedale, così lo abbiamo portato qui”, ha detto il medico dell’ambulanza ai giornalisti che gli hanno fatto domande. Anche se è chiaro che questa persona è una potenziale fonte di infezione e dovrebbe trovarsi in un dispensario specializzato, sotto la supervisione dei medici.

“In Ucraina, secondo i dati ufficiali, ci sono circa 20.000 pazienti affetti da tubercolosi, di cui 8.000 nella forma in cui il tasso di mortalità è superiore al 60%. E se queste persone ora si trovano faccia a faccia con i loro problemi e vanno in strada invece di stare nel dispensario, il coronavirus sembrerà una bazzecola”, afferma l’esperto del centro di analisi e consulenza Yurii Havrylechko. Secondo lui, l’Ucraina è l’unico Paese al mondo che chiude gli ospedali al culmine della pandemia, e i tentativi di trasferire i pazienti affetti da tubercolosi sotto la responsabilità dei medici di famiglia sono una via diretta verso un’epidemia di massa, che non sarà combattuta semplicemente da nessuno, alla luce della riduzione delle istituzioni specializzate e degli specialisti che lavorano come personale.

Anche Igor Voityuk, un medico fisioterapista della categoria più alta del Dispensario per la tubercolosi della città di Zaporižžja, parla della minaccia di un’epidemia di tubercolosi. “Formalmente non c’è ancora un’epidemia, ma con questa riforma ci sarà certamente. Nel 1995-1997 abbiamo già approvato tali riforme – razionalizzazioni, tagli. Il risultato è stato un forte aumento dell’incidenza della tubercolosi. L’incidenza massima è stata raggiunta nel 2005. Poi, gradualmente, quando siamo arrivati al sistema di rilevazione e trattamento, quando sono apparsi i farmaci di nuova generazione, la diffusione della malattia, secondo le statistiche, ha cominciato a diminuire. Ma in realtà non c’è una diminuzione dell’incidenza della TBC, perché l’incidenza della TBC infantile e della TBC extrapolmonare è in aumento. A tal proposito, sotto il regime sovietico, abbiamo vinto la tubercolosi extra-polmonare completamente”, ha ribadito il medico. Infatti, una bambina di otto anni della Regione di Zaporižžja è morta recentemente di tubercolosi. E dopo ciò, la sua scuola ha trovato altri adolescenti malati.

Il fisiatra Voytyuk descrive la distruzione di un sistema consolidato di prevenzione e trattamento di una malattia pericolosa. Per decenni è stata costruita durante l’epoca sovietica a spese di ingenti fondi pubblici, e ora viene distrutta nell’interesse delle imprese private, che beneficiano pienamente della “riforma”.

“Solo nel nostro dispensario c’erano 7-8 fisiatri adulti. C’erano quattro dispensari di questo tipo. Ad oggi, c’è un dispensario, in cui si prevede di servire tutti i quartieri della città. Oltre alla chiusura dei dispensari distrettuali, si stanno riducendo i posti letto del dispensario regionale. Se prima c’erano 500 posti letto, ora ne sono previsti circa 200-220. Anche le cuccette dei bambini vengono ridotte. Anche i sanatori per la tubercolosi infantile sono in via di riduzione, in particolare a Zaporižžja, recentemente riparati e forniti di buone attrezzature grazie ad aiuti tedeschi. I notiziari hanno anche mostrato come sia stato dotato di attrezzature moderne, e ora tale sanatorio subisce un processo di riduzione… Secondo voci non verificate, tutti e tre gli edifici che stanno chiudendo i dispensari hanno già un proprietario. Questo mentre negli ultimi quattro mesi, ad esempio, il nostro edificio ha avuto il suo primo tetto dopo molti anni. Cioè, è stato appena rinnovato a spese dello Stato e immediatamente viene trasferito in mani private. E la domanda è: come potranno essere accolti i pazienti di tutta la città nell’unico dispensario? Sì, è nel centro della città, ma negli orari notturni ci si può impiegare un’ora per contattare le persone. Comunque, il quadro è tetro. Gli specialisti prevedono la crescita della tubercolosi”.

Peggio ancora, il Paese, che ha sempre alzato la testa in condizioni di povertà e di guerra, ha maturato tutte le condizioni sociali per un’epidemia di questa malattia. Cibo a buon mercato di scarsa qualità, inaccessibilità alle cure, che ora vengono pagate, condizioni insalubri in case disabitate molto simili alle classiche baraccopoli, distruzione frontale, tossicodipendenza indiscriminata e alcolismo – tutto questo crea un terreno fertile per la diffusione della tubercolosi. Contribuisce anche al deterioramento della situazione ecologica – soprattutto l’inquinamento dell’aria, che è devastante per i polmoni ed è aumentato ovunque in Ucraina dopo gli incendi boschivi di aprile e le tempeste di polvere.

Tuttavia, la politica economica non ha colpito solo la popolazione della tubercolosi. Ogni segmento dell’assistenza sanitaria ucraina è stato interessato dalla riforma, con conseguenze davvero drammatiche per il Paese. Inessa Shevchenko, direttrice dell’ospedale regionale di riabilitazione di Dnipropetrovsk, ha intrapreso uno sciopero della fame a tempo indeterminato perché la sua squadra è rimasta senza stipendio, nonostante l’infezione da coronavirus si stia diffondendo rapidamente nella regione, e il sindaco di Dnipro ha già ordinato lo scavo dimostrativo di una fossa comune per le sue presunte vittime. E il medico capo dell’ospedale per le malattie infettive di Nikolaev, Svetlana Fyodorova, è minacciata da un procedimento penale per aver pagato gli stipendi ai medici – per quanto possa sembrare folle in questo momento.

I medici dell’ospedale clinico di Kiev, “Psichiatria”, hanno organizzato un’azione con i manifesti “Salviamo la psichiatria ucraina” e hanno pubblicato una breve lista dei risultati della seconda fase della riforma sanitaria Suprun, che può scioccare le persone sane di mente.

“Il 30% del personale degli ospedali psichiatrici sarà licenziato e alcuni reparti saranno chiusi. Psicologi clinici, ergoterapisti e in parte infermieri e inservienti saranno licenziati. I finanziamenti per il mantenimento e il trattamento dei pazienti vengono dimezzati. Da aprile, i medici sono pagati meno del livello minimo di sussistenza – 3.800 UAH (140 dollari). Il carico di lavoro per i medici è stato notevolmente aumentato. L’introduzione di un sistema di registrazione e conservazione dei dati medici (“Helsinki”) non garantisce la riservatezza dei dati sui disturbi mentali. Alcuni dispensari per i malati di mente sono chiusi. Non sono disponibili servizi di riabilitazione e di supporto per i pazienti. Tra qualche settimana saranno costretti a vivere per strada e a morire di fame.

Il sistema medico sta collassando in quasi tutte le regioni, proprio di fronte a persone disperate e confuse. “Negli ospedali regionali di Lugansk i medici vengono messi forzatamente in congedo non retribuito, adducendo come motivo la mancanza di fondi per le istituzioni. La maggior parte dei reparti dell’ospedale pediatrico regionale di Lugansk, della traumatologia, della chirurgia, dell’urologia e del policlinico regionale, non funzioneranno. Secondo Petr Ishchenko, capo del dipartimento di pediatria, viene detto che non ci sono soldi per gli stipendi. Venerdì 26 aprile una parte degli operatori sanitari dell’ospedale regionale dei bambini ha scritto richiesto l’uscita dalla propria organizzazione sindacale. I dipendenti non sono d’accordo con il contratto collettivo, che stabilisce le tariffe minime: medici – 3800-4700 UAH; infermieri – 3000 – 2500 UAH. Un appello al Dipartimento regionale per la tutela della salute non ha dato alcun risultato” – informa la pubblicazione locale “Chas Pik”.

Gli operatori delle ambulanze, che hanno subito il primo colpo della pandemia, il 1° maggio hanno tenuto uno sciopero preventivo in tutta l’Ucraina, indignati per esser stati derisi con pagamenti extra di un importo compreso tra 600 e 1000 UAH. Hanno protestato anche all’ospedale 8 di Kiev, dove si è tenuta una riunione di medici. “Ieri il personale ha ricevuto gli stipendi e ha scoperto che l’importo è di un terzo inferiore rispetto al mese scorso. Dirò per me stesso: sono il capo del dipartimento, un medico della categoria più alta, con più di 35 anni di esperienza, ho ricevuto uno stipendio di poco più di 4 mila grivne. Circa 70 persone hanno partecipato all’azione. Se la questione non viene risolta, molte persone diventeranno più radicali”, ha detto il capo del comitato sindacale locale, Oleksandr Barynfeld.

“Gli animi sono turbolenti, la gente è portata all’estremo, molti hanno semplicemente esaurito la pazienza”, sono le parole del capo del dipartimento della sanità dell’amministrazione regionale di Kiev, Maksym Ionov. “E’ rimasto molto poco… Presto la pazienza esploderà in tutti… Tenete duro, i miei colleghi, che si sono trovati ostaggio di una criminale sotto-riforma, avanzata e sostenuta da persone non indigene, alcune delle quali ostinatamente fingono di “non esserci” e di essere “per la riforma, ma non così” – ha scritto Olga Golubovska, una famosa esperta di malattie infettive di Kyiv, capo del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Università di Medicina di Bohomolets.

La medicina ucraina viene uccisa in modo scientifico. A cosa porterà la situazione attuale quando, solo secondo i dati ufficiali, 2.000 medici ucraini si ammaleranno di coronavirus e, secondo il ministro Stepanov, 133 medici lo hanno contratto nelle ultime 24 ore? Sì, questa domanda può tranquillamente essere definita retorica. Oggi è chiaro, la riforma antisociale è la più terribile epidemia per il Paese, ed è al suo apice.

Dopo di essa, non ci sarà nessun appiattimento, solo un collasso dell’assistenza sanitaria ucraina.

[1] Ministro della sanità fino al 2019, nel governo precedente di Petro Poroshenko

[2] Nome col quale sono indicate le regioni in molte ex repubbliche sovietiche

[3] Il dispensario è una istituzione di assistenza pubblica per il trattamento medico, generalmente gratuito, di malattie a carattere sociale e in particolar modo delle epidemie.

[4] Il vaccino contro la tubercolosi

[5] Il bacillo responsabile della tubercolosi nell’uomo.

[6] La grivna è la moneta ucraina. 1900 grivne, valgono circa 65 euro

[7] Regione ucraina all’estremo sudovest del paese, presso i confini con la Slovacchia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...