Il nostro atto pubblico per il primo Maggio

Condividiamo la traduzione del resoconto della giornata del Primo Maggio pubblicato su Polìtica Obrera.

di Jacyn

Il 1° maggio si è svolta con successo la manifestazione in modalità digitale concordata in un incontro internazionale dal Partido Obrero (Tendencia), dal Partido de los Trabajadores (Uruguay), dal Partido Obrero Revolucionario (Cile), da Prospettiva Operaia (Italia), da Independencia Obrera (Spagna) e dai compagni del Boletim Classista (Brasile). Alla base di questa attività comune vi è stata la dichiarazione politica e programmatica che approvammo la fine dello scorso marzo, finalmente discussa e approvata in una plenaria virtuale tenutasi a metà aprile. L’evento virtuale ha permesso ai relatori di mettere in campo un programma adeguato alle attuali condizioni di crisi, di portata fenomenale, e di condividere l’esperienza di lotta di diversi paesi e le loro peculiarità. In tutti i casi ha mostrato una classe operaia che combatte e un’avanguardia che si sforza di fondersi politicamente con quella lotta.

La prima oratrice del PO (T), Jorgelina Signa, ex consigliera del Cordón Industrial di Santa Fe e delegata dell’Ospedale “Eva Perón” di Granadero Baigorria, ha raccontato la lotta degli operatori sanitari, in prima linea di combattimento. Ha denunciato lo svuotamento del sistema sanitario e ha spiegato come medici e malati si organizzano per chiedere la fornitura di forniture ed elementi di protezione. Jorgelina ha collocato la lotta del suo ospedale nello scenario più generale di una delle popolazioni operaie più concentrate del Paese, il nucleo esportatore del territorio di San Lorenzo. Lì i produttori di cereali hanno cercato in anticipo di sbaragliare, sotto un’enorme pressione, qualsiasi misura di protezione o di isolamento che potesse rallentare le loro spedizioni. I lavoratori delle spedizioni hanno fermato questa escalation con il primo sciopero dei lavoratori della quarantena argentina.

Il compagno Alvaro Soto, leader del PT e della direzione del sindacato dei lavoratori del comune di Montevideo (Adeom), ha denunciato la drammatica crescita del contagio in Uruguay e la complicità del Frente Amplio con la politica di Lacalle Pou, il quale ha aperto il rubinetto del credito pubblico e del Tesoro per sovvenzionare il grande capitale, in un contesto di impoverimento dei lavoratori senza precedenti. “El Vasco” ha descritto la tensione che si sta sviluppando all’interno dei principali sindacati e delle organizzazioni operaie. Ha sottolineato la decisione dello sciopero, da parte del sindacato comunale di Montevideo, contro la revoca delle misure di isolamento.

Delia e Raffaele, di Prospettiva Operaia, hanno caratterizzato il drammatico scenario italiano e lo sforzo della classe operaia contro la pressione criminale dei capitalisti per mantenere aperte le fabbriche, ciò spiega perché la stragrande maggioranza delle morti avvenga nei centri industriali. Le organizzazioni padronali non vogliono avere nulla a che fare con la messa in quarantena o con la sospensione della produzione non essenziale. La lotta tra Confindustria, il sindacato padronale, e i distaccamenti operai nelle grandi fabbriche del Nord ha segnato il polso della lotta di classe nelle ultime settimane.

Delia, membro integrante dell’organizzazione delle donne “Rivoluzionaria”, ha descritto crudelmente la lotta delle lavoratrici contro l’oppressione e la violenza domestica dei padroni. In un discorso incisivo e vibrante, Delia ha sviluppato tutte le dimensioni che riguardano le donne lavoratrici durante la pandemia. Mentre da un lato si accentuano le pressioni della vita lavorativa, sia in fabbrica che a distanza, le donne sono gravate da compiti domestici che si intensificano in condizioni di reclusione. Questo è il quadro che circonda l’aumento della violenza domestica. Usciamo da quell’inferno, ha detto Delia, nell’unità delle lavoratrici e dei lavoratori in difesa dei nostri diritti soggiogati.

Ricardo Vásquez, dirigente del POR e del sindacato nazionale dei dipendenti di Starbucks, ha negato che la pandemia comporti un rallentamento della rivoluzione cilena e ha anticipato un nuovo scoppio popolare nel prossimo futuro. In questo quadro, ha sviluppato la lotta dei giovani lavoratori transandini contro le misure anti-operaie dell’amministrazione Piñera, che permette ai datori di lavoro di interrompere i rapporti di lavoro in vigore durante la pandemia. Ricardo ha anche sottolineato che le misure repressive – coprifuoco e stato d’emergenza – non hanno nulla a che vedere con la garanzia di misure di isolamento, che il governo ignora sempre a beneficio dei padroni, ma sono state dettate solo dallo scopo di disinnescare la ribellione popolare. La conclusione di Ricardo è stata chiara: “La permanenza al potere di Piñera è incompatibile con la difesa della vita.”

Alla chiusura della manifestazione, Jorge Altamira ha iniziato il suo discorso con un omaggio a tre compagni del PO, recentemente scomparsi – Inés Rojas, Hugo Interlandi e Nora Elicabe – e con un saluto ai lavoratori di Bed Time e Penta, e a tutti i lavoratori in lotta. Ha riguardato la crisi attuale nel suo complesso e le sfide per la classe operaia e per la sinistra. I lettori possono consultare queste dichiarazioni sul profilo Facebook di Politica Obrera e leggerle nei prossimi giorni. Diversi commenti di un pubblico relativamente numeroso di 1.200 partecipanti hanno fatto notare che in molti passaggi di questa attività si sono sentiti come se fossero in Plaza de Mayo [a Buenos Aires ndr].

Le lotte più significative del momento sono state presenti durante tutta la manifestazione, non solo quelle di Bed Time e del settore frigoriferi Penta. Durante lo svolgimento dell’evento la lotta dei lavoratori del Bed Time si stava avvicinando a un possibile epilogo. L’atto è stato in sintonia con le lotte di massa che resistevano a questi tentativi di ristrutturazione sociale capitalistica. La conclusione centrale dell’evento del 1° maggio organizzato da queste correnti è che, dietro le spalle della pandemia, si sta sviluppando una situazione rivoluzionaria. L’antagonismo tra il capitale, da un lato, e la vita delle masse, dall’altro, sta marciando verso un parossismo. La crisi sanitaria si sta fondendo con una gigantesca bancarotta del capitale e dei suoi stati ossia crisi politiche più gravi, in ultima analisi rivoluzioni.

In Argentina, questo è chiaramente visibile per chiunque voglia vederlo. Un governo che si trova dinanzi ad un default o ad un “accordo” che sarà peggiore del default; uno sviluppo della crisi sanitaria, poiché la dimensione della popolazione colpita è ancora sconosciuta e perché la capacità del sistema sanitario dello Stato si sta avvicinando a limiti certi; la visibilità di una maggiore decomposizione dello Stato nella questione carceraria; l’aumento del debito pubblico per rimpiazzare il sabotaggio del sistema bancario e per finanziare l’economia; il ritiro di tutti i parlamenti del Paese alle sessioni virtuali, per non affrontare la catastrofe che si sta sviluppando.

Il 1° maggio la nostra Tendenza si è espressa attraverso un forum internazionale. Ha riunito organizzazioni che hanno reclamato la continuità del CRQI, secondo i principi del suo statuto, l’unità d’azione e la democrazia dei lavoratori, compreso, in particolare, il diritto di tendenza. È la nostra Tendenza che ha elaborato il programma e lo statuto del CRQI, approvato in un congresso internazionale.

L’atto pubblico, nel quadro della crisi e delle controversie all’interno del FIT-U, con l’asse centrale nella collaborazione parlamentare con lo Stato e la violazione della democrazia di partito (diritto di tendenza), è stato un nuovo passo per sviluppare la costruzione di un partito operaio su una base socialista dei principi che si saldi nell’esperienza delle crisi successive di questi anni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...