Verso un Primo Maggio Rosso di lotta per la nostra vita, in solidarietà con gli operatori sanitari e con tutti gli oppressi del mondo!

Questa è la traduzione dell’articolo del Centro socialista internazionale Christian Rakovsky pubblicato su RedMed (per visualizzarlo clicca qui)

Guerra contro il Coronavirus, guerra contro il brutale assalto del capitalismo!

Il Primo Maggio 2020 è unico nella storia della classe operaia mondiale.

L’umanità nel suo insieme si trova di fronte a una catastrofe senza precedenti di proporzioni immensamente minacciose. La pandemia del Coronavirus ha inoltre innescato l’esplosione di tutte le contraddizioni irrisolte della crisi capitalistica globale. Nella sua essenza, la pandemia ha dimostrato che il capitalismo si è ormai dimostrato incompatibile con i bisogni più urgenti del processo vitale, un ostacolo storico che solo la rivoluzione socialista mondiale può e deve superare.

Miliardi di dollari di liquidità forniti dalle banche centrali e dai governi per salvare il sistema non sono in grado di fermare il disastro economico globale. Già prima della pandemia, le politiche monetarie “non ortodosse” si erano esaurite come strumenti per frenare la crisi globale del dopo 2008. L’origine dello storico problema sistemico si trova non nelle relazioni monetarie ma nel modo di produzione capitalistico stesso.

La pandemia non ha semplicemente accelerato l’atteso approfondimento della Terza Grande Depressione. Si è verificato un salto di qualità. La produzione capitalistica in tutto il mondo si sta congelando in un inverno economico prolungato. Con il blocco, le attività economiche si fermano una dopo l’altra e le catene di approvvigionamento globali sono perturbate.

Lo stesso capo del FMI ha ammesso che la recessione globale è già alle spalle, non davanti a noi: peggio ancora, “l’economia mondiale è in stallo”! Il ritmo della crescita della disoccupazione è accelerato di 20 volte rispetto al periodo successivo al tracollo finanziario globale del 2008. Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) la crisi del Coronavirus ha aggiunto 36 milioni di nuovi disoccupati.

Gli epicentri sono ora in America e in Europa. Goldman Sachs, JPMorgan e Morgan Stanley prevedono un calo del 30% del PIL statunitense nel secondo trimestre di quest’anno. Il Segretario del Tesoro statunitense Steven Mnuchin ha avvertito che il tasso di disoccupazione potrebbe salire alle stelle oltre il 20 per cento, il doppio del picco raggiunto durante la crisi globale del dopo 2008, o addirittura al 30 per cento. In una settimana a metà marzo. Negli Stati Uniti si sono aggiunti 3,1 milioni di nuovi disoccupati, la settimana successiva 3,3 milioni e alla fine della prima settimana di aprile questo numero è salito a 6,6 milioni.

In Europa, tutti i Paesi sono colpiti dalla pandemia: Italia e Spagna sono nel caos. In Spagna in due settimane si è aggiunto un milione di disoccupati all’esercito dei disoccupati. In Francia 4,4 milioni di lavoratori hanno smesso di lavorare, ricevendo un sussidio temporaneo dallo Stato.

In Grecia, un paese già in bancarotta e devastato nell’ultimo decennio dalla crisi, la forza lavoro di quelle imprese rimaste ancora in funzione viene licenziata in massa, ricevendo come sussidio statale solo 800 euro per i prossimi due mesi. Secondo il piano del governo le imprese in funzione lavoreranno alternativamente per mezzo mese con metà della loro misera paga, nelle condizioni più malsane. La stragrande maggioranza dei lavoratori stava e sta lavorando per pochi euro  in posti di lavoro precari in piccole e medie imprese e ora si trova ad affrontare il licenziamento totale. Il turismo, l’attività economica più importante, è in rovina.

Indubbiamente nella posizione più disperata, insieme alle migliaia di persone che hanno perso la speranza di trovare un lavoro o un rifugio, ci sono le decine di migliaia di rifugiati provenienti dal Medio Oriente, dall’Asia centrale e dall’Africa, imprigionati nelle condizioni più terribili nei “punti caldi” dei campi di concentramento di questo paese “di prima linea” della “Fortezza Europa”.

In Turchia, un sistema che divide la società chiama i ceti alti a rimanere a casa mentre spietatamente spinge i lavoratori delle industrie “essenziali” nelle condizioni insalubri dei trasporti affollati e nelle condizioni del nastro trasportatore nelle fabbriche dove ogni lavoratore maneggia costantemente prodotti che una moltitudine di mani ha toccato! A metà aprile, il governo ha dichiarato il coprifuoco a mezzanotte solo due ore prima di mezzanotte, il che ha causato scene di fughe di famiglie che cercavano di comprare il pane per le 48 ore successive, distruggendo qualsiasi effetto positivo che settimane di “distanziamento sociale” avrebbero potuto ottenere. L’inettitudine fa a gara con la totale negligenza nei confronti della salute della popolazione in difficoltà. Tutto questo mentre una crisi economica si sta aggravando con il governo che usa tutti i mezzi per salvare le aziende che affondano.

E la catastrofe è solo nelle sue fasi iniziali. Da questi epicentri in Europa e in America la pandemia si sta espandendo alla periferia del mondo capitalista impantanato nella povertà. Quasi la metà della popolazione mondiale non ha l’acqua corrente necessaria per lavarsi le mani e si accuccia in baracche a una stanza e in edifici rannicchiati in strette viuzze e vicoli di baraccopoli, ambienti in cui si può prevedere solo una parodia dell’isolamento così insistentemente propugnato. Il sistema ospedaliero di quei paesi è miserabile anche in tempi normali, figuriamoci sotto la minaccia di una pandemia.

L’India, la terra del sonno selvaggio su scala di massa e di 1,3 miliardi di persone in isolamento, si sta unendo alla mischia. L’Africa è stata introdotta nel virus solo ora. Segnali di allarme e cifre dei primi casi di coronavirus saltano da un paese africano all’altro. Sudafrica e Nigeria sono già stati colpiti. Lagos, la capitale della Nigeria e la città più popolata del continente, è in isolamento. Ma questo è solo l’inizio.

L’America Latina sta soffrendo. La pandemia ha già causato devastazioni in Brasile, esacerbate dall’ostinata negazione del fascistoide regime di Bolsonaro, e ora si sta espandendo in Argentina, Cile, Bolivia, ecc. Ma le nazioni più povere dell’America Latina sono ancora in attesa. La scena sarà spaventosa se e quando il virus si diffonderà in paesi come Haiti. Lo stesso vale per le nazioni più povere dell’Asia e per i paesi devastati dalla guerra, dall’Afghanistan alla Siria, dallo Yemen alla Libia. Gaza, quel territorio dove da tempo è stata applicata la quarantena della morte da parte di Israele sionista, sarà sicuramente decimata dalla pandemia.

L’Iran, dove il virus ha già subito un pesante tributo, soffre per le sanzioni imposte dall’imperialismo. Le sanzioni colpiscono anche il Venezuela e Cuba.

I rifugiati e i migranti in viaggio e nei campi di concentramento di tutti i nomi, in Europa, al confine tra USA e Messico, in Medio Oriente, in Bangladesh o in Africa, non si sono ancora manifestati nelle fosche statistiche. Le prigioni, dai famigerati sistemi degli Stati Uniti e del Brasile fino alle carceri sovraffollate e sporche dei Paesi poveri, dove languono centinaia di migliaia di prigionieri politici non processati, non sono ancora entrate a far parte dell’epidemia. Una catastrofe di dimensioni inimmaginabili sta scendendo sull’umanità.

La società capitalista, nei Paesi ricchi e poveri, si è spogliata del suo mantello di civiltà, cacciando i lavoratori dal lavoro o in luoghi di lavoro che stanno rapidamente diventando letti di morte collettivi, senza che siano state prese serie misure igieniche. Le nostre società hanno ormai l’aspetto quasi identico a quello dell’Egitto dei faraoni, dove masse di operai lavoravano a morte per la costruzione delle piramidi!

E allo stesso tempo mancano le maschere, i kit per i test, i dispositivi di protezione individuale, l’equipaggiamento di prima linea per gli operatori sanitari, i respiratori o i ventilatori, i diversi tipi di medicine necessarie per alleviare il dolore e la sofferenza dei malati, il plasma degli anticorpi. In tutti i paesi d’Europa e del Nord America, i paesi ricchi che sono diventati l’epicentro della pandemia, gli operatori sanitari e le loro organizzazioni gridano contro l’inadeguatezza delle attrezzature mediche e dei dispositivi di protezione quando catturano il virus e sempre più muoiono sulle “trincee” della cosiddetta “guerra contro il nemico invisibile, il Coronavirus”. Sempre più tutte le autorità governative e sanitarie ammettono chiaramente che tra così tanti giorni o settimane non ci sarà più la capacità di assistenza sanitaria per curare il crescente numero di malati. Nonostante questa indiscutibile verità, le fabbriche continuano a produrre automobili di lusso, abiti e cosmetici alla moda e tutto ciò che alla società in generale non interessa in questo momento, se non le attrezzature e i capi di abbigliamento necessari per la “guerra contro il virus”. Questo è il capitalismo nella sua nuda anarchia del mercato e nella sua inestinguibile sete di profitto!

La pandemia ha esposto completamente il fallimento di metodi che subordinano la salute della popolazione al sistema del profitto e alla “mano invisibile” del mercato. I crimini del capitalismo vengono fuori tanto più chiaramente se paragonati a quei Paesi che in passato hanno vissuto vere e proprie rivoluzioni socialiste. La superiorità dei metodi ereditati dalla pianificazione centrale si è vista in Paesi che hanno subito in passato trasformazioni sociali rivoluzionarie come la Cina o il Vietnam.

La Cina è stato il primo Paese a doversi confrontare con un’epidemia di dimensioni senza precedenti per almeno un secolo, quindi non ha avuto il vantaggio di imparare dall’esperienza di altri Paesi, cosa che l’Occidente ha fatto grazie all’esperienza cinese. Eppure, grazie al suo sistema ospedaliero pubblico e alla sua peculiare modalità di mobilitazione del lavoro socializzato, è riuscita a limitare praticamente i danni dell’epidemia a un solo Stato (Hubei) e a una sola città (Wuhan) e a metterla sotto controllo da sola. È della più grande ironia vedere che l’America, il paese più potente del mondo, ha ormai raggiunto più di cinque volte il numero di pazienti infetti in Cina e che allo stesso tempo ha solo un quinto della popolazione di quello stesso paese!

Il Vietnam non è stato quasi toccato dal virus, nonostante la prima ondata della pandemia abbia colpito l’Asia orientale e sudorientale. I due Paesi stanno ora inviando sia medici che materiale medico nei paesi ricchi dell’Occidente, sopraffatti come questi ultimi da una catastrofe nazionale che non possono dominare.

Ma l’esempio più chiaro che pone il contrasto tra le società in transizione verso il socialismo e il capitalismo come due organizzazioni socio-economiche diametralmente opposte è Cuba. È questo Paese dove il sistema sanitario e medico è incomparabilmente più forte di tutti i Paesi capitalisti rispetto ai rispettivi livelli di sviluppo e di ricchezza. Cuba ha presentato al mondo intero il contro-paradigma all’America di Trump o all’Unione Europea di un cannibalismo che stringe la cinghia, inviando generosamente medici, materiale medico e know-how scientifico a decine di Paesi. Il modo in cui lo Stato cubano sta monitorando la (limitata) diffusione del virus sull’isola stessa, inviando ogni giorno porta a porta studenti di medicina dell’ultimo anno, stabilendo severe misure di quarantena nei quartieri già infetti e nominando medici specializzati in tali quartieri che entrano in contatto personale con la popolazione locale, è anche un chiaro esempio di atteggiamento premuroso, di competenza professionale e, soprattutto, di umanità.

Questo dimostra ancora una volta che la classe operaia ha bisogno di vincere la guerra di classe per salvare sé stessa e il resto della società dalla calamità sanitaria che si abbatte ferocemente su di noi.

Facciamo appello a tutti i partiti della classe operaia, ai sindacati, alle organizzazioni comunitarie, ai circoli antimperialisti e progressisti di tutto il mondo, indipendentemente dalle nostre differenze programmatiche e strategiche, affinché si uniscano nel tentativo di costruire un fronte unito per combattere contemporaneamente le due guerre contro la pandemia e contro il sistema del profitto capitalista e l’imperialismo. Combattiamo per ristrutturare radicalmente la composizione merceologica dei settori industriali e dei trasporti dei nostri Paesi, in modo da soddisfare le esigenze della lotta contro il Coronavirus, non solo per le esigenze del nostro Paese, ma anche per soddisfare le esigenze dei Paesi più poveri che attendono il loro turno di catastrofe! A tal fine, uniamo tutte le nostre forze per combattere lo spietato assalto del capitale alla grande maggioranza dell’umanità!

Facciamo del Primo Maggio una giornata rossa di solidarietà con gli operatori sanitari che stanno gettando le loro vite in bilico per salvare la vita di altri esseri umani, senza la dovuta protezione che meritano della società che stanno servendo! Organizziamo, in modo sincronizzato, ma ognuno secondo le tradizioni di lotta del proprio paese, marce nei cortili dei nostri ospedali e dei nostri luoghi di lavoro, incontri al coperto tra i lavoratori, interruzioni del lavoro, marce di quartiere, azioni online di ogni tipo, indossando strisce e nastri rossi, portando garofani rossi, cantando “Bella ciao” o “Venceremos” o uno qualsiasi dei nostri canti tradizionali di rivolta e sicuramente l'”Internationale”, mostrando la nostra solidarietà al personale sanitario di tutto il mondo come lavoratori che stanno combattendo il virus per il bene di tutti noi e inviando un grido assordante alla borghesia dei nostri paesi e ai loro governi che non lasceremo che i nostri compagni di lavoro muoiano sulle “trincee” per i loro profitti!

Organizziamo scioperi in quelle imprese e in quei luoghi di lavoro che ignorano insensibilmente tutte le misure igieniche necessarie per proteggere i loro lavoratori! Organizziamo scioperi per costringere le fabbriche tessili e di abbigliamento a produrre maschere e dispositivi di protezione, le fabbriche automobilistiche e le altre industrie meccaniche a produrre ventilatori (una richiesta per la quale i lavoratori della General Electric hanno lasciato il lavoro di recente negli Stati Uniti), i costruttori a costruire ospedali al posto di condomini di lusso, le aziende di trasporto a fornire le loro flotte di autobus e veicoli più piccoli per far sì che i lavoratori dei settori essenziali lavorino in sicurezza!

Proponiamo le seguenti richieste come inizio, ma siamo totalmente aperti ad ogni nuovo suggerimento:

*Nessun salvataggio per le società e le banche! Nazionalizzare senza compensazione tutte le entità inadempienti del loro debito sotto il controllo dei lavoratori e riorientare immediatamente le loro risorse per investire in industrie che soddisfino le esigenze della lotta contro il virus;

*Nazionalizzare tutte le corporazioni in industrie che possono produrre attrezzature mediche, tutte le aziende farmaceutiche e tutte le banche in modo che le risorse possano essere mobilitate sotto il controllo dello Stato per la lotta contro la pandemia;

* Nazionalizzare tutti gli ospedali privati e le istituzioni sanitarie per mobilitare tutte le loro capacità e i loro operatori sanitari per la lotta contro la pandemia;

*Ridurre immediatamente della metà le spese per gli armamenti dei paesi del G-20, in modo da poter liberare le risorse per la lotta contro il virus;

*Fine a tutte le sanzioni di carattere militare e politico, in particolare per quanto riguarda i farmaci, le attrezzature mediche e gli alimenti;

*Espropriarsi di tutte le ricchezze dei paradisi fiscali per utilizzare le risorse a livello internazionale, con priorità per i paesi poveri gravemente scossi dalla pandemia;

*Misure di sicurezza sanitaria in tutti i settori industriali essenziali (fabbriche, agricoltura, trasporti, spedizioni, vendita al dettaglio, ecc.), compresi i trasporti sicuri da e per il lavoro, turni di lavoro più brevi, settimana di quattro giorni, aumenti di stipendio, personale aggiuntivo, disposizione del lavoro meno affollata, dispositivi di protezione, orari sopportabili, ecc;

*Nessun licenziamento, nessun orario di lavoro breve con riduzione di stipendio, i lavoratori hanno bisogno del loro salario per vivere, lasciate che siano i capitalisti a pagarne il prezzo;

*Non un’elemosina, ma un salario di disoccupazione vivente per tutti i lavoratori;

*Cancellare il debito estero dei paesi poveri, costruire un fondo internazionale per questi paesi da investire nella sanità, nell’acqua corrente pulita, nelle misure adeguate a combattere la malnutrizione;

*Rimuovere tutti i privilegi delle aziende farmaceutiche per fare della produzione di farmaci generici un diritto per i paesi poveri;

*Organizzare un Primo Maggio Rosso in solidarietà con l’esercito in prima linea contro il virus, tutti gli operatori sanitari del mondo.

Il Centro socialista internazionale Christian Rakovsky

e le organizzazioni che ne fanno parte

DIP (Partito rivoluzionario dei lavoratori), Turchia

EEK (Partito rivoluzionario dei lavoratori), Grecia

OKP (Partito Comunista Unito), Federazione Russa

RPK (Partito Russo dei Comunisti), Federazione Russa

Associazione “Unione Sovietica”

16 aprile 2020

Un pensiero su “Verso un Primo Maggio Rosso di lotta per la nostra vita, in solidarietà con gli operatori sanitari e con tutti gli oppressi del mondo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...