PER UN’UCRAINA SOCIALE INDIPENDENTE

Pubblichiamo la nostra traduzione di questo importante appello di militanti e intellettuali della sinistra ucraina per un primo maggio indipendente dagli oligarchi. Per l’indipendenza, per la democrazia e per il socialismo.

La crisi è arrivata in Ucraina e nel mondo.

La pandemia del nuovo virus ha solo esacerbato un’altra crisi del capitalismo globale e messo in evidenza l’ingiustizia sociale del mondo che l’ha generata.

La crisi è disuguaglianza e perdita di libertà, fallimento delle imprese e licenziamenti di massa, guerre e catastrofi ambientali, perdita di prospettive e impoverimento della maggioranza dei cittadini per arricchire un gruppo di oligarchi.

Oggi ci troviamo di fronte a domande storiche: in quale paese vogliamo vivere? Il suo stato attuale corrisponde ai sogni, alle aspirazioni e ai bisogni dei cittadini ucraini?

Perché il cambiamento di potere non produce ancora una volta cambiamenti sistemici? I nomi delle strade e le bandiere delle autorità stanno cambiando, ma i detentori del potere, sempre i ricchi, che vivono in una realtà completamente diversa dalla maggior parte degli ucraini, non cambiano. È la strada della libertà e dell’indipendenza? È un percorso che può realisticamente portare a un migliore stato delle condizioni socio-economiche, istituzioni sociali concordate, pace, modello di produzione sostenibile dal punto di vista economico e ambientale? È così che vogliamo che la società ucraina si muova?

L’incapacità del potere oligarchico di agire nell’interesse del popolo ucraino ci impone di dar vita ad un movimento consapevole per costruire un’Ucraina socialmente orientata – giusta ed equa per ogni cittadino.

Oggi abbiamo l’opportunità, invece di una società di sfruttamento, disuguaglianza e profitto, di creare una società di umanità, assistenza reciproca, cooperazione, uguaglianza e libertà.

Come agiscono e agiranno le autorità oligarchiche ucraine:

Così, come sempre – non nell’interesse del popolo ucraino, ma solo nell’interesse della ricca minoranza, con la volontà di vendere tutto a chiunque.

Le autorità hanno aperto il mercato della terra. Si accelera il degrado della campagna ucraina e il passaggio della terra dalla popolazione alle grandi capitali nazionali ed estere, che non sono mai state e non saranno mai interessate allo sviluppo di paesi e territori coloniali schiavizzati – ma solo del loro arricchimento.

Le autorità continuano la “riforma della sanità”. La commercializzazione del sistema sanitario priverà gli ucraini del diritto costituzionale all’assistenza medica gratuita e lo renderà impossibile a molte persone. Quest’ultimo sproporzionatamente colpirà la popolazione per lungo tempo e già da tempo vulnerabile.

Il governo taglia il bilancio per la scienza e l’istruzione. Priva i cittadini della possibilità di ricevere istruzione superiore gratuitamente, distrugge gli istituti scientifici, facilita la partenza di massa di ricercatori e insegnanti all’estero. Ruba il nostro patrimonio intellettuale, l’intera popolazione; indebolisce il potenziale scientifico, economico e sociale generale del paese; ne priva le generazioni future.

Le autorità continuano le relazioni con i finanziatori internazionali, in particolare il FMI. Cercano di soddisfare tutti i loro requisiti finali: vendita di terreni, privatizzazione totale, aumenti delle tariffe delle utenze. Ma il denaro che può essere ottenuto verrà rubato e speso per il servizio del debito. I prestiti non risolveranno alcun grave problema del paese e, al contrario, spingeranno ulteriormente nella dipendenza dal debito. Siamo di nuovo fatti servi. Le catene economiche sono invisibili, ma più forti.

Le autorità stanno distruggendo l’industria ucraina. Ciò porta a un’ulteriore recessione economica, all’impoverimento delle persone e alla perdita del potenziale scientifico e tecnologico residuo, che priva le prospettive delle generazioni future di cittadini ucraini. E trasforma il paese dei creatori di satelliti e aerei in un serbatoio di manodopera a basso costo per l’Europa e la Russia e scambia il potenziale industriale per un’aggiunta di materie prime alle catene di produzione internazionali. Milioni di cittadini ucraini sono condannati a lasciare le loro case e raccogliere i raccolti di qualcun altro su terra straniera.

Il potere dell’oligarchia usa la guerra e il conflitto tra gli ucraini, basato sul principio di “dividi e conquista”. Invece di difendere gli interessi nazionali, le élite del mercato incitano l’odio nazionalista a proteggere i loro portafogli attraverso la violenza e la paura.

L’Ucraina non ha bisogno di “mercati”, ma di riforme sociali!

Democrazia attiva e ripristino dei diritti civili degli ucraini.

Istituzione di un meccanismo di democrazia diretta: elezioni, che possano essere nominate non solo dai ricchi, ma dalla diversità dei cittadini ucraini, senza contributi finanziari e senza il diritto di essere sponsorizzati dalle grandi imprese, con il bilancio statale assegnato alle campagne elettorali.

Sono i cittadini ucraini, non i creditori internazionali o un gruppo di loro mercenari oligarchici, che devono decidere nei referendum le questioni fondamentali per il destino del paese: la possibilità di vendere terre ucraine, relazioni con il FMI, aderire all’UE e alla NATO, pace e reintegrazione di Donbass e Crimea.

Un efficace sistema di governance democratica inizia con iniziative di base. È necessario garantire lo sviluppo delle organizzazioni pubbliche; trasformare partiti politici e associazioni da strumenti di influenza dei clan oligarchici sull’espressione degli interessi dei cittadini e delle comunità; assicurare la rappresentanza dei lavoratori nelle autorità, proteggere il movimento sindacale dalle invasioni delle élite di mercato.

Riavviando il sistema di governo in una democrazia funzionante, piuttosto che dichiarativa, la riforma dei sistemi giudiziari e delle forze dell’ordine sarà uno dei mezzi potenti per superare la corruzione.

Stabilire la pace e rivedere il bilancio militare.

La fine della guerra e il reinserimento dei territori non controllati del Donbas sulla base dell’attuazione del complesso dell’accordo di Minsk. Il ripristino della pace coprirà in larga misura le esigenze della medicina e delle altre spese sociali riducendo l’enorme budget militare, la spesa per altre forze dell’ordine e forze dell’ordine e mantenendo l’apparato statale.

La cessazione della politica della divisione dell’Ucraina: divieti ideologici, persecuzioni politiche, ricerca di “traditori” e “nemici del popolo”, “decomunistizzazione”, escalation della questione linguistica, interferenze statali nella sfera religiosa e viceversa.

L’Ucraina non ha bisogno di carri armati e fucili, ma scuole, ospedali, istituzioni culturali e istituti scientifici!

Istituzione di una tassazione progressiva che consentirà sistematicamente, piuttosto che su base “di beneficenza”, di allocare risorse ai bisogni sociali e medici dei cittadini ucraini.

Costruire uno stato sociale. È necessario garantire la reale uguaglianza delle donne, la protezione dei diritti sociali dei pensionati e dei giovani. La priorità dovrebbe essere data all’istruzione e alla medicina gratuite e in abbondanza, alla qualità e alle abitazioni a prezzi accessibili. Nessuna commercializzazione della salute! La vita, il benessere e lo sviluppo umano a tutto tondo non possono essere una merce.

La vita culturale dovrebbe essere una componente obbligatoria della nuova Ucraina. Questo non è un lusso ma una necessità che deve essere inserita nel cuore del modello economico. L’arricchimento dell’esperienza quotidiana cura i mali sociali, rende la società più istruita, tollerante, più sicura, più vibrante e prospera.

Bisogna fermare la riforma della sanità e delle terre.

Nazionalizzare imprese e industrie strategiche.

Stabilire controlli dei prezzi per beni e servizi critici.

Incoraggiare le forme collettive di produzione, gestione e proprietà.

Trasferimento in un esercito a contratto professionale anziché servizio militare obbligatorio.

Il valore principale dell’Ucraina dovrebbe essere la persona, la sua vita, la sua salute, l’educazione, l’autorealizzazione e l’ambiente.

Rivedere le relazioni con i finanziatori internazionali, compreso il FMI. La riduzione o il default del debito non è la fine dell’economia, ma uno strumento per trarre vantaggio dall’opportunità di costruire un nuovo sistema progressivo piuttosto che l’economia di un paese del “terzo mondo” – un mercato di manodopera a basso costo e materie prime.

Il rifiuto di soddisfare i requisiti politici, sociali ed economici dei creditori esterni è necessario per stabilire una reale indipendenza dell’Ucraina.

Compensazione dei salari dei dipendenti licenziati e messi in quarantena per congedi non retribuiti, aumento delle spese sociali delle unità economiche più redditizie, che dovrebbero diventare investimenti interni. Ciò stimolerà l’economia ucraina ed eviterà la crisi sociale.

Tutti i cittadini che hanno un lavoro dovrebbero ricevere uno stipendio non inferiore al salario reale di vita, in base ai prezzi degli insediamenti in cui il lavoro viene svolto o in cui vive il lavoratore.

Tutti i cittadini che non hanno una busta paga per qualsiasi motivo dovrebbero ricevere il sostegno finanziario di almeno un salario di sussistenza con un’indennità di dipendenza.

La libertà e il pluralismo del pensiero sono una condizione fondamentale per lo sviluppo dell’Ucraina. La censura dei media e le molestie nei confronti di minoranze, comunità e individui dovrebbero essere fermate; garantire la libertà di parola, la libertà di riunione, la libertà di associazione – per tutti i cittadini ucraini.

Al momento, i media ucraini sono di proprietà di oligarchi o esistono col denaro di governi stranieri, istituzioni politiche o finanziarie – e diventano strumenti di schiavitù. I cittadini ucraini meritano media veramente indipendenti.

Modernizzazione e restauro dell’industria. L’oligarchia saccheggiò e distrusse migliaia di imprese. Con il capitale sequestrato dall’industria ucraina, furono acquistate auto e yacht costosi, furono costruite ville sulla costa mediterranea, palazzi di lusso pieni di servizi igienici e distintivi d’oro. La deindustrializzazione ci ha portato al fatto che oggi siamo i paesi più poveri e uno dei paesi più arretrati d’Europa.

L’Ucraina ha bisogno di una moderna industria “verde” che non violenta né le persone né il pianeta. Lo sviluppo dell’ingegneria meccanica dovrebbe essere combinato con la promozione del settore IT ad alta tecnologia e lo sviluppo di infrastrutture ambientali. La pianificazione urbana dovrebbe dare priorità allo sviluppo dello spazio pubblico, piuttosto che alla costruzione totale e ai recinti di proprietà privata.

Questo dipende dal benessere di ogni cittadino e dal futuro dei nostri discendenti: cosa erediteremo – un paese avido di avidità di mercato, un’aria velenosa e prospettive di schiavi sotto lo stivale di un signore? Uno stato moderno fiorente è un uomo che sogna e crea il suo destino?

L’Ucraina deve abbandonare l’imposizione del percorso capitalista!

La riforma sociale richiede una nuova e moderna forza politica di sinistra che sosterrà gli interessi dei cittadini ucraini sulla base di una democrazia della classe operaia.

Chiediamo ai cittadini ucraini, nonché ai sindacati, alle ONG e alle iniziative, ai partiti politici e agli attivisti che cercano il cambiamento sociale, di unire le forze per costruire un nuovo movimento sociale e realizzare le profonde trasformazioni socio-politiche vitali per l’Ucraina in questo difficile, ma un momento cruciale.

 UNIAMOCI PER UN’UCRAINA SOCIALE INDIPENDENTE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...