La pandemia da Coronavirus: che differenza farebbe il socialismo

Questa è la traduzione dell’articolo di Sungur Savran del 09/04/2020 che trovate su RedMed (clicca qui)

La risposta scientifica alla domanda se il Coronavirus affonda le sue radici esclusivamente nei processi naturali o, in alternativa, se è anche collegato alle condizioni socio-economiche che sono state storicamente preparate dal capitalismo richiederà probabilmente un lungo periodo di ricerca e di riflessione. Fino ad allora, dovremo presumere, non avendo prove contrarie, che il virus sia emerso indipendentemente dalle condizioni socio-economiche o, in altre parole, che si tratti di un fenomeno puramente naturale. Molti sono coloro che ne concludono che la catastrofe portata dal virus era inevitabile. C’è chi va oltre per affermare, in perfetto spirito maltusiano, che si tratta di uno strumento usato da Allah o da Dio per regolare il funzionamento della società umana.

Questo argomento dell’ineludibilità è un puro caso di non sequitur. Abbiamo sostenuto fin dal primo giorno che la catastrofe scesa sull’umanità è opera del capitalismo. Il virus può non esserlo, ma la catastrofe sì. Se il socialismo fosse la formazione sociale dominante sul pianeta, i danni che il virus avrebbe causato sarebbero stati molto più limitati. Avrebbe anche potuto essere messo sotto controllo prima di diffondersi dalla Cina, la sua prima patria. E anche se si fosse diffuso sul campo, il numero di vittime sarebbe stato molto più basso. Non si tratta di un’affermazione propagandistica voluttuosa. È una proposta che scaturisce direttamente dalle innegabili differenze tra le proprietà caratteristiche fondamentali dei due modi di produzione in discussione.

Parliamo prima di tutto del fatto che l’epidemia si sta trasformando in una pandemia, diffondendosi al di fuori della Cina per raggiungere l’intero pianeta. Ora, se vivessimo sotto il socialismo, questo non avrebbe certo significato che ci sarebbe stata una rete meno fitta di relazioni tra la Cina e il resto del mondo in materia di economia, istruzione, viaggi e simili; semmai ci sarebbe stata un’integrazione ancora più profonda. Come si può allora parlare della possibilità che l’epidemia venga “messa sotto controllo prima che si diffonda all’esterno della Cina”? Questo perché sotto il socialismo il mondo vivrà in una comunità fraterna di nazioni. Dietro la competizione e il conflitto senza fine tra gli Stati Nazionali nel mondo di oggi c’è il fatto che ognuno di essi è usato come strumento di una frazione nazionale della borghesia internazionale. Questo porta a una situazione in cui, nonostante la parvenza di unità proiettata dal sistema delle Nazioni Unite e tutta la cooperazione internazionale in diversi ambiti, ogni Stato nazionale si occupa, in ultima istanza, degli interessi della propria classe dirigente.

Se l’epidemia fosse scoppiata in Cina sotto il socialismo, tutte le nazioni del mondo e le istanze e le agenzie sovranazionali che le hanno unite in diversi ambiti di attività avrebbero immediatamente condiviso con la Cina una parte delle loro competenze scientifiche, delle loro risorse umane preparate e delle loro risorse materiali, in modo da contribuire a portare sotto controllo il Coronavirus. Avrebbero fatto questo non come manifestazione di un altruismo immaginario del tipo “affrettiamoci ad aiutare le nostre sorelle e i nostri fratelli cinesi”, ma sulla base della consapevolezza che in un mondo perfettamente integrato i loro interessi dipendono dagli interessi degli altri. (Con lo sviluppo del socialismo, anche i comportamenti altruisti diventeranno più forti fino a quando non potranno essere considerati non più immaginari). In altre parole, l’avrebbero fatto in modo che il virus non destabilizzasse altre comunità umane al di fuori della Cina, compresa la loro stessa comunità. Sotto il capitalismo, invece, l’integrazione internazionale avanza di pari passo, e in contraddizione, con la concorrenza o anche (in questo caso) con l’ostilità a causa degli interessi divergenti e contrastanti delle frazioni nazionali della borghesia. Le conseguenze sono evidenti per tutti: L’America ha già superato il numero di infezioni già osservato in precedenza in Cina, un Paese che ospita quasi cinque volte la sua popolazione e l’Italia ha compiuto la notevole impresa di superare il numero di vittime di quello stesso Paese che ha una popolazione 25 volte superiore alla propria! Questi Paesi non hanno alzato un dito quando la Cina era devastata dal virus e sono stati loro a soffrirne. Cos’altro dimostra che, in un mondo perfettamente integrato, il capitalismo è un sistema irrazionale e obsoleto? Se qualcuno dovesse nutrire dubbi sulla nostra affermazione, vorremmo ricordargli che i medici di Cuba, un Paese povero, si sono affrettati ad aiutare la Lombardia, l’Italia. La Lombardia non è il Mezzogiorno, è una delle regioni più ricche d’Europa!

Partiamo dal presupposto che non sarebbe stato possibile fermare il virus neanche in Cina sotto il socialismo. Ma una volta raggiunti gli altri Paesi, il socialismo avrebbe condotto una battaglia molto più efficace contro di esso rispetto ad oggi semplicemente perché è un sistema pianificato. C’è un intervallo di tempo di circa un mese e mezzo tra il momento in cui l’epidemia ha raggiunto livelli minacciosi a Wuhan e la sua diffusione in Europa, e un po’ più tardi in America. I paesi che vivono sotto il socialismo si sarebbero resi molto più forti e resistenti nella lotta contro il virus rispetto ai paesi capitalisti grazie alla loro economia pianificata. Alcuni obietterebbero che i governi capitalisti avrebbero potuto anche preparare piani riguardanti un’epidemia. Certo che avrebbero potuto. Ma non è di questo che stiamo parlando. Quando diciamo “pianificazione” non stiamo parlando di alcuni file nei computer preparati negli uffici di certi paesi capitalisti. La pianificazione è un rapporto di produzione, non documenti che portano titoli sontuosi del tipo “Master Plan per la lotta integrale contro la pandemia del secolo”!

Basta guardare questo esempio: anche nel paese più potente, che detiene la più grande economia del mondo, gli Stati Uniti, la scarsità di kit di prova ha impedito il meticoloso tracciamento della malattia e l’elaborazione di un quadro realistico della sua distribuzione geografica, rispetto a gruppi economici o a diversi gruppi di popolazione ecc. in modo da rendere molto più efficace la lotta contro il virus. Tutto il mondo sa che dagli Stati Uniti ricchi alla Turchia a medio reddito, passando per l’Italia, membro del G-7, molti Paesi capitalisti non hanno fatto test sufficienti per giorni, o addirittura settimane in alcuni casi, mentre il presidente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito molto chiaramente che “non si può combattere un incendio bendato”, non si può combattere la pandemia senza sapere chi è infetto, traendone la conclusione: “Test, test, test!”

L’America sta ora affrontando, nel momento in cui è scritto questo articolo, una carenza di dispositivi di protezione individuale, letti per unità di terapia intensiva, respiratori, persino maschere di alta qualità, ecc. Eppure sappiamo che le fabbriche di automobili possono essere immediatamente ristrutturate per produrre respiratori, che gli ospedali possono essere costruiti e arredati in pochi giorni (cfr. Cina), che molte fabbriche tessili possono essere revisionate per produrre mascherine di qualità, ecc. Allora, dov’è la pianificazione che possono fare i paesi capitalisti? Si potrebbe obiettare che nessuno poteva sapere prima la portata di tale calamità. Ma anche adesso, quando il chirurgo generale ammette il problema, non solo l’America ma tutti i paesi capitalisti hanno ancora difficoltà a mobilitare le risorse necessarie a fornire rapidamente le attrezzature necessarie per rispondere a un bisogno così urgente. Lottano per tutto ciò che esiste secondo le sacrosante regole del mercato, non solo tra le nazioni, ma anche tra i 50 Stati degli Stati “Disuniti” d’America. E quando ce n’è bisogno, ricorrono persino alla pirateria, come nel caso di una massiccia consegna di attrezzature da inviare al Land di Berlino, dirottate negli Stati Uniti mentre venivano trasportate dalla Tailandia alla Germania! E perché tutta questa scarsità, nonostante non solo la pianificazione generale, ma anche le decisioni concrete dei governi? Perché sotto il capitalismo l’intero sistema produttivo è orientato alla produzione di plusvalore e non ci si può aspettare che i capitalisti rinuncino al profitto e producano per gli interessi generali della società. Occorrono nazionalizzazioni per superare rapidamente le barriere poste dai rapporti capitalistici della produzione.

Una discussione più completa sulla differenza che avrebbe fatto il socialismo porterebbe lontano. Concludiamo menzionando un’ultima differenza vitale. Il socialismo si basa sul soddisfacimento dei bisogni fondamentali indispensabili della popolazione attiva, come l’istruzione, l’assistenza sanitaria, l’alloggio e altri. Nessuno vive un’esistenza miserabile, rimanendo senza lavoro o addirittura senza casa e incerto sul proprio futuro. Quindi il quadro generale della salute pubblica è incomparabilmente migliore sotto il socialismo che sotto il più ricco paese capitalista. Anche nel caso dell’esperienza della costruzione socialista del XX secolo, che si è fatta carico di tante distorsioni e deformazioni e difetti, questo è stato un indubbio risultato. Il capitalismo, al contrario, è lotta di classe. Il capitale fa un passo indietro quando le circostanze lo impongono (il cosiddetto “stato sociale”). Ma quando i suoi interessi dettano un altro corso, esso intensificherà la lotta di classe e ridurrà tutti i servizi sociali in una spietata spietatezza a sangue freddo. Così l’assalto neoliberale a tutti i guadagni della classe operaia! La borghesia, in un corso frenetico per riprendersi ciò che aveva concesso nei tre decenni dalla fine della seconda guerra mondiale fino alla Thatcher e a Reagan, ha decimato il sistema sanitario in tutto il mondo. Ecco perché i pazienti giacciono sui pavimenti dei reparti ospedalieri in Italia e in Spagna! Ecco perché la città più ricca del mondo, New York, sede di Wall Street, è l’epicentro della pandemia!

Il socialismo è necessario come il nostro pane quotidiano e l’aria che respiriamo, se vogliamo sopravvivere!

Un pensiero su “La pandemia da Coronavirus: che differenza farebbe il socialismo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...